Sequestrano un uomo e chiedono il riscatto al fratello: tre giorni di paura per un informatico

A salvare il 36enne sono stati i carabinieri. L'uomo alla vista dei militari è scoppiato in un pianto liberatorio

Lo hanno rapito nella sua casa di Firenze e lo hanno tenuto prigioniero tre giorni in una casa alle porte di Roma. A vivere delle lunghe ore di terrore un informatico 36enne, di origini calabresi ma residente nel capoluogo toscano, vittima di sequestro di persona a scopo di estorsione da parte di due italiani, un 29 enne ed un 27enne, entrambi residenti a Cerveteri, tratti in arresto. A salvare il 36enne ed arrestare i due banditi alle prime ore del 17 ottobre i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia.

La segnalazione è partita dal fratello del sequestrato, che ha chiamato la Centrale Operativa dell’Arma, riferendo di aver ricevuto dei messaggi whatsapp con delle richieste di aiuto, nelle quali il fratello gli indicava approssimativamente il luogo in cui si trovasse, sito in località Capo di Mare di Cerveteri. 

Immediatamente i militari dell’Arma hanno predisposto un dispositivo composto da cinque equipaggi, coordinato dal Nucleo Operativo e Radiomobile del Comando di via da Sangallo, che in brevissimo tempo ha consentito di rintracciare l’abitazione e di irrompere all’interno, constatando la presenza dei tre soggetti. 

I primi accertamenti hanno immediatamente consentito di accertare la veridicità della segnalazione, e del reato gravissimo che si stava consumando. Emblematica la circostanza evidenziata dal fatto che l’abitazione presentava due letti posti dinanzi l’ingresso, occupati dai due sequestratori, e posizionati in modo tale da impedire l’eventuale fuga di notte dell’uomo, che non avrebbe avuto altre vie di uscita. 

Alla vista dei militari, il 36enne sequestrato è scoppiato in lacrime, ed ha riferito quanto accaduto nel corso dei tre giorni precedenti, trascorsi in una condizione di prigionia. Il sequestro è avvenuto nel corso della mattinata di lunedì, quando i due uomini, pluripregiudicati per reati contro la persona, il patrimonio, ed in materia di stupefacenti, hanno prima contattato telefonicamente il 36enne, persona conosciuta nel corso dei mesi precedenti, e subito dopo si sono presentati nella sua abitazione di Firenze, nella quale entravano manomettendo la serratura del portone, costringendolo a seguirli sotto la minaccia di una pistola. 

Fatto salire a bordo di un’autovettura di grossa cilindrata, i due sequestratori conducevano l’uomo nell’abitazione di Campo di Mare, presa all’occorrenza in affitto tramite un sito di annunci on line. All’interno dell’appartamento il 36enne sarebbe stato prima picchiato, e poi privato di qualsiasi mezzo di comunicazione, tenuto sotto controllo a vista dai due sequestratori. 

Le indagini poste in essere dai militari dell’Arma hanno consentito di ricondurre i motivi del sequestro ad un debito di svariate migliaia di Euro derivante da un’attività di frode informatica che i due sequestratori ed il sequestrato avrebbero tentato di porre in essere nei mesi precedenti, mediante l’utilizzo di password finalizzate all’accesso a sistemi in grado di manomettere slot machine, avvalendosi delle competenze informatiche del 36enne, che ha a suo carico precedenti penali per attività di hackeraggio. 

L’uomo, malnutrito ed in condizioni igienico-sanitarie precarie, nel corso della terza notte di sequestro è riuscito ad approfittare di un attimo di distrazione dei sequestratori, impossessandosi per pochi secondi del proprio telefono cellulare, dal quale ha inviato i messaggi di aiuto al fratello. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate all’individuazione di eventuali complici dei sequestratori. 

Già denunciato per il concorso nel reato di sequestro di persona a scopo di estorsione un 37enne di origini siciliane, proprietario dell’autovettura con la quale il sequestrato è stato condotto a Campo di Mare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due arrestati sono stati condotti presso il carcere di Civitavecchia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Dovranno rispondere del reato gravissimo di sequestro di persona a scopo di estorsione, ai sensi dell’art. 630 del codice penale, che prevede una pena che va dai 25 ai 30 anni di reclusione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

Torna su
RomaToday è in caricamento