In bus dall'est Europa con 50mila bulbi di papavero da oppio, arrestati due narcos

I due corrieri sono stati fermati ed arrestati dalla Guardia di Finanza alla stazione Tiburtina

I bulbi di papavero da oppio sequestrati dalla Finanza alla Stazione Tiburtina

Cinquantamila bulbi di papavero da oppio pronti ad invadere il mercato della droga. I narcos sono due cittadini indiani ed avevano intenzione di trasportare la 'merce' a Roma e poi a Latina attraverso un autobus di linea proveniente dall’estero. A fermare la loro corsa sono stati i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma che hanno sequestrato la materia prima pronta ad essere trasformata in oltre 7000 dosi di sostanza stupefacente, e tratto in arresto i due corrieri che la stavano introducendo in Italia.

L’attività delle Fiamme Gialle del I Gruppo Roma, partita dallo scrupoloso controllo del territorio, ha permesso di individuare i due soggetti che, con fare estremamente guardingo, scendevano da un pullman presso la stazione Tiburtina, provenienti dall’est Europa. 

I Finanzieri del 3° Nucleo Metropolitano di Roma, insospettiti dagli atteggiamenti circospetti dei due asiatici e dal carico che trasportavano, provvedevano ad identificarli. I due, risultati già arrestati in passato per spaccio di sostanze stupefacenti, avevano al seguito 7 borsoni di grandissime dimensioni che, perquisiti dai militari, risultavano contenere i bulbi di papavero da oppio confezionati in sacche di plastica termosaldate al fine di non far percepire l’odore della droga.

I cittadini indiani fermati, entrambi residenti in provincia di Latina, erano diretti, con l’ingente carico di sostanza stupefacente, proprio nell’agro Pontino. I bulbi già divisi in dosi da 100 grammi ciascuna, in pacchetti sigillati, sarebbero stati “distribuiti” alla comunità asiatica del basso Lazio. 

I bulbi di papavero da oppio sequestrati potevano essere utilizzati per estrarre la materia prima per la produzione dell’eroina oppure, una volta ridotti in polvere, essere fumati o masticati, in particolar modo dai braccianti agricoli indiani, pachistani e bengalesi insediati nella provincia pontina. Infatti, tra gli effetti psicotropi di questa droga, vi è anche quello di ridurre la sensazione di fatica permettendo così ai lavoratori di far fronte al duro lavoro nei campi.

VIDEO | Narcos in manette, ecco come trasportavano la droga

I due trafficanti sono stati tratti in arresto per traffico di sostanze stupefacenti e condotti presso il carcere di Regina Coeli a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

L’attività di polizia svolta rientra nel più ampio contesto del controllo del territorio nel quartiere San Lorenzo e zone limitrofe sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Roma.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento