Blitz anti adesivari a Monteverde: vigili sequestrano 5mila adesivi

Il blitz è scattato in via Busiri Bici, zona Monteverde, con alcuni cittadini del gruppo Retake che hanno colto due "attacchini" all'opera. L'assessore Meloni: "Sanzioni severe perché chi deturpa Roma"

La denuncia di Retake e il blitz di vigili contro gli adesivari. Succede a Monteverde, in via Busiri Bici. A dare l'allarme l'associazione dei cittadini che indirizzato gli agenti della Polizia di Roma Capitale veloci ad individuare i due "attacchini" all'opera.

Le borse che i due avevano con sè sono state sequestrate e risultate piene di adesivi, circa 5000 in numero. Oltre al sequestro e la sanzione i due sono stati obbligati a rimuovere tutto quello che avevano affisso precedentemente.

Gli adesivi pubblicitari illegali, applicati su serrande, cassonetti, portoni, pali e in ogni area possibile, sono oggetto di numerose segnalazioni dei cittadini, stanchi di vedere le proprietà private e pubbliche tappezzate e danneggiate da annunci di traslochi, rigattieri e altro.

Immediato anche il commento dell'assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Adriano Meloni: "Voglio ringraziare gli agenti della sezione Pics della Polizia Locale per l'intervento con il quale oggi sono state bloccate due persone che stavano affiggendo abusivamente adesivi pubblicitari su pali della segnaletica, arredi stradali e serrande di attività commerciali nel quartiere Monteverde. I due 'attacchini' abusivi sono stati sanzionati e gli agenti li hanno obbligati a ripulire l’area dagli adesivi già applicati".

"Mi piace sottolineare come questo intervento sia stato reso possibile grazie alla segnalazione di un cittadino, aderente a Retake Roma, che ha tempestivamente indicato ai vigili l’attività illecita in corso. - continua Meloni - E' questa la buona collaborazione tra istituzioni e cittadini, il primo presidio di legalità per il rispetto delle regole. Manifesti abusivi, volantinaggio non autorizzato e adesivi apposti ovunque non rappresentano solo una ferita al decoro della città, ma anche una spesa per tutti i cittadini. Per questo è necessario applicare sanzioni severe perché chi deturpa la bellezza di Roma paghi anche il ripristino del decoro”, conclude".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Bah
    Bah

    Perchè oltre a sanzionare gli attacchini non bloccano l'utenza telefonica di chi si fa pubblicità?

  • Avatar anonimo di claudio
    claudio

    andrebbero sanzionati tutti i titolari "de facto" delle ditte pubblicizzate sulle affissioni abusive, di qualsiasi sorta

  • Mi piacerebbe sapere la sanzione che viene comminata... in piu mi sembra un'operazione che se viene fatta ogni 20 anni non credo che porterà mai i suoi frutti. Aggiungerei che queste cose vengono fatte solo su lamentela dei cittadini... xke se aspettiamo una continuità delle istituzioni ci troveremo sommersi dagli adesivi.

    • tutte le denunce di qualsiasi entità funzionano cosi. Le autorità ti dicono espressamente se vuoi farla, altrimenti resta li in sospeso... In questo caso "attaccato".

Notizie di oggi

  • Eur

    Eur, l'Acquario di Roma fa le prove generali: il 2 luglio "pre-opening"

  • Cronaca

    Spari alla festa, DJ ferito alla spalla con un colpo esploso da un fucile

  • Politica

    Raggi serra le fila: riunione di tre ore per rinsaldare il gruppo. Gelo con il M5s nazionale

  • Centro

    Look "green" per piazza San Silvestro, il M5s recupera progetto di Marino: "Bastano 70mila euro"

I più letti della settimana

  • Cassia bis: si getta dal ponte e finisce su furgone in corsa, morta una donna

  • Tragedia sulla via del Mare: auto si scontra con moto e si ribalta, un morto ed tre feriti gravi

  • Mezza Maratona di Roma: 21 chilometri in notturna, sabato con strade chiuse e bus deviati

  • Ostia: Noemi Carrozza muore in incidente stradale, nuoto italiano sotto choc. Addio a stella del sincro

  • Immersione fatale per un noto chirurgo ortopedico: morto Fabio Lodispoto, operava alla Mater Dei

  • Droga ed estorsioni col metodo mafioso, così "Zio Franco" controllava la zona di Montespaccato

Torna su
RomaToday è in caricamento