Razzismo contro un medico della Croce Rossa: trovata la scritta "negro m****" sull'auto

I fatti sono accaduti al Pigneto. Vittima un dottore originario del Camerun che vive in Italia da 13 anni

La scritta razzista trovata sul cofano dell'auto di Andi Nganso

Una cena al Pigneto rovinata da una scritta deprecabile: "Negro m****". A trovarla sul cofano della propria auto incisa presumibilmente con una chiave un dottore dell'area salute della Croce Rossa, Andi Nganso, orginario del Camerun ma residente in Italia da 13 anni. E' accaduto nella serata fra il 21 ed il 22 agosto dopo che il dottore aveva portato un suo amico, anch'egli africano, a mangiare nel quartiere della movida del V Municipio ed aver posteggiato la propria vettura su circonvallazione Casilina. Sull'auto era ben visibile l'adesivo della Croce Rossa posto sul parabrezza. 

Particolarmente provato l'amico di Andi, che una volta letta la scritta ha chiesto di andare via per paura di "una aggressione razzista". Denunciato l'episodio alle forze dell'ordine, gli investigatori stanno indagando per risalire agli autori del grave episodio di razzismo.

Insulti razzisti Pigneto 2-2

Sgomento per quanto accaduto è stato manifestato da Debora Diodati, presidente della Croce Rossa Italiana Roma: "Andi ieri sera a Roma è stato vittima di un grave episodio di odio e di intolleranza a sfondo razziale. Andi è un medico. Andi fa parte della Croce Rossa. Andi è originario del Camerun. Andi vive in Italia da 13 anni e da alcuni mesi a Roma. Andi è la nostra città e tutti noi non meritiamo questo. La nostra solidarietà e il nostro essere sempre ogni giorno in campo contro ogni forma di razzismo sono e saranno la nostra risposta".

Condanna a quanto accaduto anche da parte di Francesco Rocca, presidente Nazionale Croce Rossa: "Non bastavano gli insulti al volontario di Loano: ieri notte un nuovo episodio esecrabile a Roma. Ribadiamo con forza e passione che 'Siamo Tutti Fratelli e Tutti con Andi'".

Oramai in Italia da oltre 10 anni, purtroppo Andi Nganso non è nuovo ad episodi del genere, sempre nel nostro Paese venne insultato verbalmente da una paziente che non voleva che un africano la curasse al Pronto Soccorso. Stanotte l'ennesimo episodio di odio e razzismo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento