Corteo studenti: guerriglia con le forze dell'ordine sul Lungotevere

Migliaia in corteo nella giornata di proteste a livello europeo contro le misure di austerity. Ma quando gli studenti provano a dirigersi verso il ministero dell'Istruzione vengono respinti in maniera violenta dalle forze dell'ordine

Un incubo che porta la data del 14 dicembre 2010 quando la città di Roma fu teatro di una delle più intense giornate di scontri degli ultimi anni. Scontri e tafferugli tra studenti, manifestanti e forze dell'ordine che si sono riaffacciati prepotentemente sulla Capitale dove cariche e lanci di pietre hanno chiuso nel peggiore dei modi la giornata di mobilitazione della città cominciata stamattina con le manifestazioni di studenti liceali, universitari e sindacati.

Una vera e propria guerriglia. "E' bastato provare ad avanzare verso il ministero dell'Istruzione" ci raccontano gli studenti fermati durante gli scontri "per scatenare una reazione violentissima da parte delle forze dell'ordine". Le immagini parlano chiaro: non appena i ragazzi hanno mostrato di non voler rispettare il percorso concordato con la questura "per raggiungere i 'palazzi del potere' - ci spiega Claudio di Roma Tre - è partita una violenta carica". Diversi i giovani rimasti contusi ma soprattutto moltissimi i fermati. "Almeno sessanta" spiegano le forze dell'ordine.

GLI SCONTRI. Roma è la città dei ministeri e la capitale della politica. "Non potevamo accettare di rimanere ai margini dei centri del potere" ci spiega uno dei ragazzi fermati a scontri terminati "e quindi abbiamo provato, all'altezzadi ponte Sisto, a tirare dritto verso il ministero dell'Istruzione". Dietro i famosi 'libri scudo', i ragazzi non hanno continuato sul percorso concordato. Hanno provato a forzare il cordone delle forze dell'ordine che hanno risposto con una violenta carica.

Non solo. Secondo quanto denunciato dai rappresentanti dell'Unione sindacale di base - e secondo le testimonianze raccolte - le forze dell'ordine non si sono limitate a caricare gli studenti ma si sono dedicati a una vera e propria caccia all'uomo per le stradine del centro storico della città: "L'impiego di blindati contro gli studenti - denunciano dall'Usb - che vengono anche inseguiti singolarmente e trascinati sull’asfalto in una “caccia allo studente" senza precedenti".



Terminati gli scontri, gli agenti hanno effettutato altre cariche di alleggerimento per separare il corteo e quegli studenti che sono finiti 'oltre' il cordone sono stati circondanti e identificati all'altezza di Porta Portese.

Il bilancio - provvisorio - è di diversi giovani feriti e una sessantina di fermati.

 

 

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento