Barberini: la scala mobile si accartoccia, scene di panico. Chiusa la stazione. Il racconto di un testimone

Nessuno è rimasto ferito ma in tanti hanno avuto paura. Non è la prima volta che la scala mobile di Barberini si guasta

Foto di Fabio Carnevali

Un deja-vù. Le scale mobili di Barberini come quelli di Policlinico. Anche questa volta, fortunatamente, nessuno è rimasto ferito ma, ancora, si sono registrate scene di panico con urla e attimi di tensione. Solamente i riflessi di alcuni pendolari hanno evitato il peggio. A raccontare la mattinata vissuta a Barberini è Fabio Carnevali, giornalista, che a RomaToday rivive quanto successo intorno alle 10 di oggi, giovedì 21 marzo, con Atac che ha dovuto chiudere la stazione. 

"La scala mobile si è letteralmente accartocciata davanti ai miei e ai nostri occhi. La salita era piena e, ad un certo punto, abbiamo sentito un rumore metallico", spiega. Qui uno dei gradini collassa, si inarca e si rompe poco prima della fine della salita. "In tanti hanno urlato, tutti volevano uscire di lì. C'è stato il panico anche perché le persone si sono quasi calpesatate per scappare". 

Alle 10:40 Atac ha poi comunicato la chiusura della stazione. I treni passano senza fermare. "Abbiamo visionato, sia con Metro Roma, che è l'azienda che si occupa della manutenzione effettiva di queste scale mobili, sia con Atac, tutta la situazione delle scale mobili della stazione. Vogliamo andare a fondo a questa vicenda. Il nostro obiettivo è ridare il servizio ai cittadini nel più breve tempo possibile", ha commentato l'assessore alla Mobilità di Roma Linda Meleo dopo il sopralluogo alla metro Barberini.

La memoria, anche dei presenti, è tornata a quanto accaduto alla stazione di Repubblica quando i tifosi del Cska Mosca rimasero incastrati e schiacciati a seguito della rottura di una scala mobile, letteralmente crollata sotto i loro piedi. In quel caso ci furono feriti, anche gravi

Oggi, fortunatamente, nessuno si è fatto male. Un po' come successe alla stazione Policlinico lo scorso 22 febbraio. Lo stesso giorno un fatto simile a quello successo questa mattina, ancora alla stazione Barberini. E questa è solamente l'ultime, ennesima, fotografia della condizione degli impianti negli scali delle metropolitane romane. Repubblica, Spagna e Barberini stessa solo a maggio torneranno alla normalità.

Sul sito di Atac si legge come a Flaminio, Cipro, Laurentina e Pantano ci siano problemi alle scale mobili. Ascensori rotti, invece, a Re di Roma, Manzoni, Baldo degli Ubaldi, Castro Pretorio, Basilica San Paolo, Torre Gaia, Torre Maura, Centocelle. Fuori servizio, inoltre, i montascale a Lucio Sestio, Giulio Agricola, Porta Furba, Numidio Quadrato, Travertino, Colli Albani, Lepanto, Colosseo, Circo Massimo e Cavour. 

In totale sono 22 tra linee A, B/B1 e C, le stazioni della metropolitana che hanno problemi. Perché, per stessa ammissione dei dirigenti Atac, gli iter di intervento sono lunghi, "ci possono volere mesi per un pezzo di ricambio". Tanto che è successo, ammettono, in casi urgenti, che siano stati sottratti pezzi da impianti di stazioni meno frequentate. Il tutto nonostante la delibera del 28 dicembre scorso in cui il Campidoglio ha promesso 5,2 milioni di euro da destinare ad Atac per manutenere, almeno, gli impianti della Metro B.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico, a Roma diesel fino a Euro 6 vietati anche venerdì 17 gennaio

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Le mani della 'Ndrangheta su San Basilio: spaccio modello Scampia da 15.000 euro al giorno

Torna su
RomaToday è in caricamento