Paura a bordo: sassaiola contro il bus in servizio carico di passeggeri

Ad essere presa di mira nella zona della baraccopoli di via Candoni un vettura Atac della linea 719

Il bus 719 danneggiato alla Muratella

Paura a bordo di una bus della linea 719 gestita da Atac, quando i vetri delle porte centrali si sono infranti mentre il mezzo percorreva via Luigi Candoni, in prossimità della baraccopoli situata alla Muratella. E' accaduto intorno alle 18:00 di venerdì 18 ottobre. 

La vettura, in servizio e con passeggeri a bordo, si è subito fermata: immediato l'allarme alle forze dell'ordine da parte del conducente del mezzo. Sul posto sono intervenuti gli uomini del commissariato San Paolo e i poliziotti della Scientifica, che hanno escluso l'ipotesi che il mezzo fosse stato raggiunto da colpi di pistola. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vetri si sarebbero rotti infatti perchè colpiti da alcuni corpi contundenti, presumibilmente sassi come già accaduto diverse volte in passato anche nel vicino deposito Atac di via Candoni, che al momento non sono stati ancora trovati. Nessuno è rimasto ferito. Le indagini sono in corso. Nella zona dell'accaduto non ci sarebbero telecamere.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nella Capitale 59 nuovi casi: picco a Roma sud est. Isolata casa di riposo

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

Torna su
RomaToday è in caricamento