Molestie in Via Catania: "Ecco come l'ho salvata, tra l'indifferenza dei passanti"

Il racconto di Rosario, 29 anni, accorso all'aggressione avvenuta nella mattina di ieri vicino ai cassonetti della spazzatura ad opera di un 33 peruviano. "L'ho inseguito fino a piazza Bologna, poi ha chiesto pietà"

Era appena uscito da casa quando ha visto la scena che si è presentata sotto i suoi occhi. Una studentessa di 23 anni con tuta e scarpette da ginnastica stava percorrendo il solito tragitto lungo la via Catania che l'avrebbe condotta alla palestra che frequenta di solito quando all'improvviso, all'incrocio con via Foggia all'altezza dei cassonetti della spazzatura, è stata avvinghiata da un 33enne peruviano che ha cominciato a molestarla con insistenza fino a giungere alle parti intime.

IL RACCONTO - "All'inizio pensavo che fosse uno scherzo" ha spiegato Rosario, 29 anni. "Magari è solo un gioco. Ma poi lei ha cominciato ad urlare e a chiedere aiuto così sono intervenuto. Quando mi ha visto, l'aggressore ha iniziato a ripetere 'è solo uno scherzo, è solo uno scherzo' ma ovviamente non mi ha convinto. Mi sono prima accertato che lei stesse bene e poi, quando ho visto che il peruviano stava scappando, ho tolto lo zaino e l'ho inseguito".

Una corsa concitata, durata pochi minuti durante i quali il 33enne si è addentrato per via Foggia, passando per via Udine e via Lucca fino a raggiungere una piccola stradina disabitata che sbucava dietro al mercato di piazza Bologna. "L'ho bloccato afferrandolo per la cartella, immobilizzandolo" ha continuato Rosario, aiutato dai tanti anni di Karate. "Quando ha capito che non c'era più niente da fare, ha chiesto clemenza ma non me la sono sentita di lasciarlo andare, così l'ho ricondotto in via Catania, nel luogo dell'aggressione dove nel frattempo era arrivata la Polizia che lo ha arrestato e portato via".

"HO CHIESTO AIUTO MA NESSUNO SI E' FERMATO" - Un atto di coraggio provvidenziale quello del 29enne che ha poi continuato rammaricato "ciò che mi dispiace di più in tutta questa vicenda è il fatto di aver chiesto aiuto ai passanti ma nessuno si è fermato. Abito in questa zona, che tra l'altro è molto trafficata, da quando sono nato e non mi sarei mai aspettato un comportamento del genere da parte dei residenti". Un caso a parte le due donne accorse in aiuto della giovane durante l'inseguimento di Rosario. "Quando sono ritornato ho trovato queste due signore che hanno prestato aiuto alla ragazza, ancora scossa e in lacrime. Una dimostrazione dell'immenso coraggio delle donne".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Cassia, auto contro un pilone: due morti

  • In bilico sul balcone si lascia cadere nel vuoto, salvata dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Incidente a Colli Albani, autocarro investe e uccide 42enne in via Menghini

  • Sciopero, oggi a rischio bus Cotral e Roma Tpl: gli orari e le linee interessate

  • Meteo Roma, peggiorano le previsioni: l'allerta diventa "codice arancione"

  • Maltempo a Roma, un'altra strage di alberi: strade chiuse e auto schiacciate dai rami 

Torna su
RomaToday è in caricamento