Rivolte anti rom: 81 denunciati per i disordini di Casal Bruciato e Torre Maura

L'iscrizione nel registro degli indagati da parta delle Procura. I fatti avvennero in via dei Codirossoni e via Satta. Fra i deferiti fascisti e compagni

La Polizia durante i disordini in via Sebastiano Satta (foto Ansa)

Ottantuno denunciati per le rivolte anti rom di Torre Maura e Casal Bruciato. A iscriverli nel registro degli indagati la Procura di Roma. Per quanto concerne i disordini del 2 aprile di via dei Codirossoni i deferiti all'Autorità Giudiziaria sono 41, uno in meno (40) per i fatti di via Sebastiano Satta. 

La prima rivolta risale allo scorso 2 aprile. Per quei fatti la Procura ha iscritto nel registro degli indagati 41 appartenenti a CasaPound e Forza Nuova. Le proteste scoppiarono in seguito al trasferimento di alcune famiglie rom in una struttura di accoglienza del quartiere del VI Municipio. 

Le accuse ipotizzate dal procuratore aggiunto, Francesco Caporale, e dal Pm Eugenio Albamonte, a vario titolo, sono di istigazione all'odio razziale, violenza privata, minacce, adunata sediziosa, apologia di fascismo e rapina. Quest'ultima fattispecie é riferita al pane destinato alle famiglie rom preso e calpestato durante le proteste. 

Cira un mese dopo stesso scenario si presentò nella zona di Casal Bruciato. I disordini avvennero fra il 6 e l'8 maggio, in seguito al trasferimento di una famiglia da una baraccopoli ad una casa popolare di via Sebastiano Satta. In questo ambito sono 40 le persone iscritte nel registro degli indagati. Ventiquattro appartengono a Casapound e Forza Nuova. 

Le ipotesi di reato contestate, a vario titolo, dal procuratore aggiunto Francesco Caporale e dal pm Eugenio Albamonte vanno dall'istigazione all'odio razziale, alla violenza privata, all'adunata sediziosa, passando per l'apologia di fascismo e le minacce, aggravate dall'odio razziale, in quest'ultimo caso il riferimento é all'uomo che gridò "Ti stupro" alla donna assegnataria dell'appartamento. 

Le altre 16 persone indagate appartengono ai Movimenti per la Casa e agli antagonisti: a loro viene contestato il corteo non autorizzato dello scorso 8 maggio. 

Sui fatti di Torre Maura e Casl Bruciato sono arrivate anche le parole di Matteo Salvini.Rispondendo durante il question time nell'aula di Montecitorio a un'interrogazione di +Europa relativa ai disordini avvenuti nei due quartieri della periferia romana il ministro dell'Interno ha affermato: "Le forze dell'ordine hanno operato al solo scopo di garantire i diritti delle persone minacciate e tutelare la loro incolumità, prevenendo più gravi conseguenze per l'ordine pubblico e garantendo il diritto a manifestare il dissenso nel rispetto delle leggi, fermo restando il deferimento di coloro che sono identificati come autori di reati. Nessun tipo di violenza fisica o verbale sarà mai tollerata né dal ministro dell'Interno né dalle forze dell'ordine".

Sull'iscrizione nel registro degli indagati dei militanti di estrema destra è poi arrivato il commento all'Adnkronos di Mauro Antonini,  responsabile di Casapound per il Lazio: "Siamo sereni e penso che tutto si risolverà in una bolla di sapone, almeno a livello giudiziario". "Abbiamo partecipato alle proteste per essere vicini alle proteste dei cittadini che ancora una volta vengono 'sorpassati' dalle scelte del sindaco e della Giunta capitolina - aggiunge - Il voler segnalare un'ingiustizia non può sfociare in un reato come apologia di fascismo".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento