"Riuscito lo sciopero dei Servizi Anagrafici e di Stato Civile di Roma Capitale"

Numerosi uffici municipali e di via Petroselli anagrafici e di stato civile di Roma Capitale chiusi e servizi ridotti negli altri

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

COMUNICATO STAMPA DEL 30/06/2015

Numerosi uffici municipali e di via Petroselli anagrafici e di stato civile di Roma Capitale chiusi e servizi ridotti negli altri per lo sciopero del settore promosso da Asbel-Cnl


Lo sciopero di oggi del personale dei servizi anagrafici e di stato civile dimostra che c'è una chiara volontà di opporsi alle vergognose condizioni di lavoro determinate dall'entrata in vigore del contratto unilaterale a gennaio.
In particolare le lavoratrici e i lavoratori che hanno scioperato sono consapevoli che continuare a subire un trattamento che ha aumentato i carichi di lavoro e al contempo pesantemente tagliato i salari è inaccettabile.

Questo primo importante segnale di volontà di lotta è l'avvio di un percorso vertenziale per la dignità, la professionalità, i diritti e il salario dell'intero settore e invitiamo anche altre forze sindacali a sostenerlo.

Lo stato di agitazione indetto il 6 giugno prosegue, ritenendo peraltro che la preannunciata riduzione dei turni nel periodo estivo sia un semplice palliativo temporaneo che non risolve alcuno dei problemi sollevati dallo sciopero.

Seguirà a breve un calendario di iniziative e nuove date di sciopero che solo risposte concrete e positive della controparte potranno far revocare.

Torna su
RomaToday è in caricamento