Lava male i piatti e non stende bene il bucato, la moglie lo rinchiude in soffitta

L'uomo aveva timore di perdere il figlio avuto dalla relazione con la 48enne. La donna è stata allontanata dalla casa familiare con divieto di avvicinamento al marito

Anni di vessazioni, umiliazioni, maltrattamenti. Vittima il marito di una donna di 48 anni di origini peruviane. Lo stesso era stato recluso fra la casa familiare e la soffitta. La colpa dell'uomo? Non aver lavato bene i piatti ed aver steso male il bucato. Un vero e proprio incubo con il marito cacciato diverse volte dall'appartamento e con la sua aguzzina che gli impediva di consumare il cibo versandoci sopra del disinfettante, oppure lo costringeva a fare le scale di fretta per farlo cadere. I fatti nella zona di Monteverde.

La 48enne era riuscito a ridurre il marito ad uno stato di soggezione fisica e psicologica, tollerata solo per amore del figlio che aveva paura di perdere. Ad interrompere questa escalation di violenza, la notifica alla 48enne, da parte degli agenti del commissariato Monteverde, dell’ordinanza di applicazione dell’obbligo di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento del marito.

L’ordinanza è stata emessa dal Giudice per le Indagine Preliminari del Tribunale Ordinario di Roma, sulla base delle risultanze investigative raccolte dai poliziotti, culminate con la denuncia dello stesso fratello della vittima.     

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento