menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

In 300 al rave party nel supermarket abbandonato sulla Casilina: fermato pusher

I partecipanti alla festa illegale scoperti dai carabinieri all'alba nella zona industriale del Laghetto di Monte Compatri

Immagine di repertorio

Un rave party in un supermercato abbandonato sulla via Casilina. A fare la scoperta all'alba di ieri mattina i carabinieri che hanno visto gruppi di giovani girovagare alle 8:00 del mattino nella zona industriale del Laghetto di Monte Compatri. Notato lo strano via vai i militari della Stazione Roma Colonna hanno effettuato degli accertamenti scoprendo un 'illegale' con circa trecento partecipanti ancora presenti. Un mega rave durato tutta la notte a cui hanno partecipato giovani provenienti non solamente dalla Capitale e dai Comuni della sua provincia ma anche da divers regioni d'Italia.

FERMATO UN PUSHER - Chiesto l'ausilio di altri carabinieri che hanno cinturato la zona, le forze dell'ordine sono riuscite ad identificare buona parte delle circa 300 persone trovate ancora nell'area posta al confine fra il territorio del VI Municipio delle Torri e quello del Comune dei Monti Prenestini.  A finire nei guai è stato un 24enne romano, trovato dai carabinieri con 29 pasticche di ecstasy, cinque grammi di marijuana suddivise in 10 dosi, 15 grammi di cocaina suddivise in altrettanti 'pezzi', e dieci involucri contenenti circa 8 grammi di Mdma. Incensurato e residente nella stessa Monte Compatri, dove si stava svolgendo la festa, il pusher è stato arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e giudicato con Rito Direttissimo.

DENUNCIA GLI ORGANIZZATORI - Trovato il rave party, a cui i giovani si erano dati appuntamenti attraverso le radio ed il tam tam sui social network, i carabinieri
hanno poi provveduto all'identificazione della maggior parte delle 300 persone trovata ancora sulla via Casilina. Fra di loro una ventina di ragazzi, riconosciuti
quali organizzatore dell'illegale, poi denunciati per "invasione di terreni e spazi privati" e per "danneggiamenti". 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Sara Di Pietrantonio, il fidanzato confessa: "L'ho uccisa io. Poi sono tornato a lavoro"

    • Cronaca

      Magliana: donna trovata morta semi carbonizzata vicino ad un'auto

    • Cronaca

      Rissa tra coppie al parcheggio del Centro Commerciale: donna stesa da un pugno

    • A Roma ci piace

      Le 10 migliori gelaterie di Roma: ecco tutti gli indirizzi

    Torna su