Rapinava farmacie con la siringa sporca di sangue: "Dammi i soldi o ti infetto"

L'uomo, già in carcere per analoghi reati, è stato riconosciuto quale autore di dodici rapine messe a segno in diciotto giorni

La siringa sporca di sangue usata per rapinare le farmacie dal 30enne

Dodici rapine in diciotto giorni armato di una siringa sporca di sangue. Un copione che si è ripetuto per buona parte dello scorso mese di agosto con il rapinatore seriale a recitare la stessa parte nelle farmacie prese di mira: "Dammi i soldi o ti infetto". Una tecnica che gli aveva fruttato ben 11mila euro, prelevati negli esercizi commerciali 'visitati' fra le zone di Testaccio, Ostiense, Appio, San Giovanni e Centro Storico. Già in carcere per analoghi reati il rapinatore, un 30enne originario della Basilicata nella Capitale senza fissa dimora, è stato raggiunto lo scorso 16 marzo da una nuova ordinanza di custodia cautelare notificatagli dai carabinieri nella casa circondariale di Rebibbia.

RAPINATORE SERIALE - In particolare il rapinatore seriale aveva messo a segno i colpi con particolare disinvoltura, approfittando del mese di agosto quando la città era semideserta per l'esodo delle vacanze estive. Il 30enne infatti entrava nelle farmacie come un normale cliente, si metteva in fila ed al momento di parlare con il farmacista tirava fuori la siringa sporca di sangue. Colpi ripetuti per 12 volte in 18 giorni, in otto esercizi commerciali diversi con due farmacie (in via Marmorata e via Piramide Cestia) colpite ben quattro volte nell'arco di pochi giorni. 

APPIO E CENTRO STORICO - Il malvivente si è poi spostato di zona, rapinando altre farmacie nella zona di Colli Albani, San Giovanni, Appio Latino e Centro Storico. Riconosciuto quale autore delle rapine messe a segno nell'agosto dello scorso anno, i carabinieri della Stazione Roma Aventino, al termine di una indagine denonimata "Rapine d'Estate", avvalorata da numerose testimonianze e dall’analisi delle immagini dei circuiti di videosorveglianza installati negli esercizi commerciali, hanno dato un nome ed un volto al rapinatore, notificandogli in carcere una nuova ordinanza di custodia cautelare. 


 


 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Quello che fa nascere e crescere sempre di più la rabbia nei cittadini,è che questo esempio di rapinatore, come tanti altri suoi colleghi,ha sulle spalle decine di rapine, e continua ha farne delle altre, solo perchè le condanne che in passato ha ricevuto, saranno state ridotte,per non so quali motivi. La certezza della pena ,da quantomeno (scusate il ripetere della parola) la certezza che il tempo utile per fare le rapine gli viene ridotto.

Notizie di oggi

  • Politica

    I Movimenti per la casa occupano piazza Venezia: proteste contro Renzi e Raggi

  • Incidenti stradali

    Incidente in via del Foro Italico, con l'auto contro un muretto: muore 27enne

  • Cronaca

    Incendio sulla Togliatti, a fuoco un bus all'altezza del Quarticciolo

  • Politica

    Multiservizi, Colomban in Aula smentisce Muraro: esplode la protesta dei lavoratori

I più letti della settimana

  • Vigile tifoso, il Comando avvia un procedimento disciplinare

  • Lo spazzatour di Raggi e Muraro a Tor Pignattara a caccia di sporcaccioni

  • Incidente sul lungotevere della Vittoria: si scontrano auto e moto, un morto

  • Rapina a mano armata al Lidl: tengono in ostaggio vigilante e fuggono col bottino

  • "Niente negri, solo italiani": residenti fermano assegnazione a San Basilio

  • Incidente sul Raccordo, centauro ferito dopo tamponamento. Atterra l'eliambulanza

Torna su
RomaToday è in caricamento