Abbracciavano ragazze ubriache e le rapinavano fuori i locali della movida

La coppia di ladri è stata fermata dai carabinieri mentre provava a ripulire una giovane nella zona di Testaccio

I carabinieri a Testaccio (immagine di repertorio)

Puntavano la preda nella zona dei locali della movida di Testaccio, poi, approfittando della sua ubriachezza, l'abbracciavano e la rapinavano. A mettere a punto la tecnica due giovani egiziani. Vittime preferite le ragazze. 

A finire in manette, con le accuse di, rapina, ricettazione a porto abusivo di oggetti atti ad offendere,  sono stati due cittadini egiziani, di 22 e 29 anni, entrambi con precedenti senza fissa dimora. I due, in via Zabaglia,  hanno approfittato dello stato confusionale, di una 37enne romana, dovuto al consumo di bevande alcoliche e, dopo averla circondata hanno finto un abbraccio e le hanno rubato lo smartphone dalla tasca del giaccone. Ma sfortunatamente per loro la scena è stata notata dai due Carabinieri che li hanno subito bloccati ed hanno recuperato la refurtiva.

La perquisizione personale dei due malviventi, ha permesso ai Carabinieri di rinvenire nella loro disponibilità: due telefoni cellulari, il primo sprovvisto di sim, il secondo risultato rubato poco prima in una discoteca di via Monte Testaccio e un “punteruolo”. Per i due cittadini egiziani si sono aperte le porte del carcere di Rebibbia.

I due arresti sono arrivati nell'ambito di un servizio coordinato di controllo del territorio, i militari della Compagnia Roma Centro, coadiuvati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, hanno fatto scattare una serie di controlli preventivi a Testaccio, zona frequentata soprattutto nel fine settimana da migliaia di persone considerata l’alta offerta di locali di intrattenimento distribuiti in tutto il quartiere. L’attività è stata volta, in particolare, al contrasto di fenomeni di illegalità diffusa e varie forme di degrado.

Poco più tardi, un cittadino del Gambia di 29 anni è stato denunciato in stato di libertà, poiché a seguito di un controllo è stato trovato in possesso di alcune dosi di marijuana pronte per essere vendute. Un cittadino del Marocco di 21 anni, notato in atteggiamento sospetto dai Carabinieri, a seguito di un controllo alla banca dati, è risultato gravato da ordine espulsione.

Non sono mancati i controlli agli esercizi commerciali del quartiere, dove i Carabinieri hanno sanzionato due titolari di attività. Il primo è stato denunciato per aver installato sistema audiovisivo interno ambiente di lavoro senza prescritta autorizzazione; il secondo, un minimarket, è stato sanzionato per un importo complessivo di 3.500 euro perché all’interno dell’attività, i militari hanno trovato 30 chili di alimenti privi dell’etichetta di tracciabilità e il mancato aggiornamento previsto delle schede del manuale “H.A.C.C.P.”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio al Nuovo Salario: 43enne ucciso in strada a colpi di pistola

  • Thomas Adami e Matteo Calabria, i due giovani calciatori morti su via Tiburtina: Tivoli e Guidonia sotto shock

  • Smog: blocco del traffico a Roma, stop tre giorni ai veicoli più inquinanti nella Fascia Verde

  • Tragedia sfiorata sul raccordo: ubriaco contromano provoca incidente, 5 feriti

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 25 e domenica 26 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento