Colle Prenestino: sventata rapina ad un bar notturno, i ladri con la pistola carica

I sei malviventi sono stati notati da un carabiniere libero dal servizio all'altezza del civico 1110 di via Prenestina. La banda fermata prima di entrare in azione

Era tutto pronto per mettere a segno il colpo ma l’acume di un Carabiniere libero dal servizio ha fatto arrestare sei rapinatori. Si tratta di sei uomini, di 20, 24, 29, 33, 41 e 42 anni che la scorsa notte si sono presentati davanti a un bar di via Prenestina, all'altezza del civico 1110 in zona Colle Prenestino a bordo di due auto: una Mercedes e una Fiat Bravo. I conducenti dei veicoli sono rimasti a bordo delle auto, di loro proprietà,  mentre gli altri quattro sono entrati nel locale pubblico dirigendosi verso la cassa. Ad assistere alla scena c’era un Carabiniere del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina che avendo visto che uno di loro era armato ha chiesto rinforzi alla centrale operativa. In pochi istanti sono intervenute diverse pattuglie dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma e del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina e i sei, non ancora entrati in azione, sono stati bloccati.

COL COLPO IN CANNA - Subito perquisito, il 42enne è stato trovato in possesso di una pistola calibro 7,65 con il colpo in canna, risultata rubata da un’abitazione e di un coltello lungo 20 centimetri. Nelle due autovetture i Carabinieri hanno rinvenuto materiale simile a quello in dotazione alle forze dell’ordine: due ricetrasmittenti, una placca e una paletta contraffatti, un paio di manette, 3 berretti, verbali di perquisizione contraffatti e 2.680 euro in contanti. E’ stata rinvenuta anche una parrucca.

DROGA IN CASA - I controlli sono stati estesi alle loro abitazioni: a casa del 20enne è stata rinvenuta una pistola scacciacani e decine di dosi tra hashish e marijuana. Tutto il materiale è stato sequestrato mentre i 6, tutti già conosciuti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati con le accuse di tentata rapina aggravata, detenzione illegali di armi, ricettazione, detenzione illecita di sostanze stupefacenti e possesso di segni distintivi, e tradotti presso il carcere di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Proseguono le indagini dei Carabinieri per verificare se la banda abbia messo a segno altri colpi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

Torna su
RomaToday è in caricamento