Funerale Casamonica, uno dei vigili presenti: "Abbiamo evitato disagi e problemi di ordine pubblico"

Una lettera, pubblicata dal blog del sindacato Sulpl Roma, riporta il racconto dell'attività degli agenti impegnati ieri lungo la Tuscolana durante il corteo funebre di Vittorio Casamonica

"Il corteo del boss scortato dai vigili". Non va proprio giù agli uomini della Polizia Locale questa rappresentazione di connivenza emersa da alcuni organi di stampa, impegnati a raccontare le esequie di Vittorio Casamonica. Oltre ai sindacati sono soprattutto i singoli agenti ad indignarsi. Al loro fianco stavolta sembra esserci anche il Comandante Raffaele Clemente che su twitter, nel rispondere alle critiche ha spiegato: "I vigili hanno gestito il traffico in emergenza perchè era loro preciso dovere". E ancora: "Noi non vietiamo i funerali per motivi di ordine pubblico". E oggi, a chi domanda se gli agenti sul posto hanno avvertito polizia e carabinieri una volta arrivati, Clemente risponde: "Ps e cc erano sul posto". 

A dare voce a chi era in servizio è il sindacato Sulpl Roma che sul proprio blog pubblica la lettera di un vigile in servizio che spiega come sono andate le cose. "Alle 10 circa", racconta l'agente, "abbiamo ricevuto una chiamata in sala radio che avvertiva di una imminente partenza di un corteo di circa 600 macchine con annessi e connessi costituenti un corteo funebre, con tanto di carro funebre. A quel punto si è cercato in modo estemporaneo di creare meno disagio possibile al quartiere, anche perché lungo tutto il tragitto eravamo presenti solo noi".

L'agente racconta le difficoltà: "Con 6 pattuglie ci siamo barcamenati quindi nel chiudere i vari incroci presenti sul percorso delle 600 e più macchine, circondate fra l’altro da moto e scooter tutte con conducenti senza casco senza che potessimo, per ovvi motivi, opporci a questo. Abbiamo quindi incanalato il corteo fino a piazza don Bosco, cercando, mi ripeto, di creare il minimo disagio possibile, credo riuscendoci e credo anche evitando problemi di Ordine Pubblico. Vi assicuro la gente era avvelenata".

L'agente che scrive la lettera spiega: "Sul posto c’era solo una pattuglia di carabinieri  per 5 minuti è arrivata una pattuglia della Polizia di Stato. Abbiamo gestito il tutto al meglio delle possibilità, e purtroppo l’elicottero non potevamo proprio bloccarlo o impedirgli di abbassarsi troppo".

Quindi lo sfogo: "Tutto ciò che scrivono alcuni giornalisti è falsità. Poco fa ho sentito addirittura dire che i vigili aiutavano i Casamonica, gli stessi vigili che si danno malati a Capodanno e che non hanno avvertito del funerale nemmeno il Campidoglio".

La chiusura affidata ad un commento personale: "Come tutti sono disgustato da come si fa questo lavoro, da una politica marcia che non si assume mai una responsabilità, stufo di trovarmi assieme a tutti noi nelle peste perché altri sfruttano potere, pubblicità per il proprio tornaconto. Tutto qua".

IL FATTO Funerale show per il Re di Roma Vittorio Casamonica
LA POLITICA - Roma sfregiata | Indignazione a 5 Stelle: "Roma celebra il funerale della legalità" - POLEMICHE SUI VIGILI Chi ha comandato quel servizio? | La lettera: "Io c'ero, ecco come è andata" - SUI GIORNALI STRANIERI - Ennesima figuraccia per la Capitale - DAL BLOG COSE DA PAZZI - Nuove attrazioni turistiche - LA CHIESA - No a Welby, sì a Vittorio Casamonica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Vede i ladri in casa dalle immagini video, arrestati dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Terremoto a Roma: scossa ai Castelli Romani avvertita nella Capitale

  • Tragedia sulla Tuscolana: accusa malore nel negozio e muore

Torna su
RomaToday è in caricamento