Animalisti contro Telethon, tensione al sit-in fuori dagli studi Rai: tre arresti

Lancio di petardi, uova e momenti di tensione con le forze dll'ordine in via Ettore Romagnoli.Gli animalisti hanno impedito l'accesso agli ospiti, tra cui alcuni bambini affetti da distrofia muscolare

Foto Facebook Memento Naturae

Momenti di tensione ieri sera davanti agli studi televisivi Rai di via Ettore Romagnoli in concomitanza della serata benefica Telethon. La protesta di una cinquantina di animalisti organizzata da P.A.E., Animalisti Italiani Onlus, Memento Naturae, Irriducibili Toscani, Istinto Animale è culminata con lancio di petardi e uova che hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Bilancio: tre attivisti arrestati, due denunciati e diversi agenti costretti a ricorrere alle cure dei sanitari. I manifestanti hanno tentato di impedire l’ingresso negli studi alle auto e agli ospiti, tra cui anche alcuni bambini affetti da distrofia muscolare. 

La Questura spiega che il protrarsi della situazione di stallo ed il rifiuto dei manifestanti di recedere dai loro propositi nonostante i ripetuti inviti, ha reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine presenti, che hanno cercato di respingere le persone che ostruivano il passaggio. Per tutta risposta alcuni manifestanti hanno reagito iniziando un lancio di petardi e uova verso le forze dell’ordine e colpendo gli agenti con calci, pugni e morsi, tanto che alcuni di loro  sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso dell’ospedale S. Andrea.

Tre persone, responsabili dei fatti violenti, sono state bloccate ed arrestate per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Si tratta di tre donne, di 21, 42 e 50 anni. Denunciati due dei promotori della manifestazione. Stamani, nel corso dell’udienza tenutasi con rito direttissimo presso il tribunale di piazzale Clodio, gli arresti sono stati convalidati. Sono in corso indagini per cercare di identificare gli altri partecipanti alla manifestazione, responsabili delle violenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli animalisti si difendono dalle accuse sostenendo di non aver mai provocato gli agenti e di essere stati a loro volta aggrediti. Secondo gli attivisti anche tra di loro ci sarebbero stati dei feriti, due dei quali “finiti all’ospedale con l’ambulanza”. Al centro della protesta degli animalisti la vivisezione e gli esperimenti farmaceutici sugli animali. Dichiara di Pier Paolo Cirillo, responsabile “Associazione Animalisti Italiani Roma” sul sito degli Animalisti Italiani :“Dietro questa falsa scienza ci sono lobby economiche potentissime che non hanno alcun interesse a curare. A loro non interessa né degli uomini e né degli animali: mentre gli uomini hanno gli strumenti per difendersi, gli animali no! Noi diamo voce a quelle creature che vengono sacrificate in nome di una falsa scienza e nel solo interesse delle multinazionali della farmaceutica” commenta."Noi eravamo presenti e video e foto mostreranno quello che è successo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento