Gaia e Camilla, Pietro Genovese a processo l’8 luglio per l'incidente di Corso Francia

Il giudizio immediato disposto dal Gip di Roma. L’accusa è di omicidio stradale plurimo

Striscioni su corso Francia in ricordo di Gaia e Camilla

Giudizio immediato per Pietro Genovese, il giovane che la notte tra il 20 e il 21 dicembre scorso ha investito ed ucciso le due 16enni Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli, mentre attraversavano Corso Francia, a Roma nord. Il giovane, figlio del regista Paolo Genovese, è accusato di omicidio stradale plurimo. Lo ha disposto il Gip di Roma accogliendo la richiesta del procuratore aggiunto Nunzia D'Elia. Il processo è stato fissato per il prossimo 8 luglio davanti alla ottava sezione penale.

Il Procuratore aggiunto Nunzia D'Elia e il sostituto Roberto Felici avevano depositato la richiesta di immediato cautelare per portare il procedimento direttamente in aula saltando la fase dell'udienza preliminare lo scorso mese di aprile. 

Secondo quanto ricostruito Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli la notte dell'incidente si trovavano in corso Francia, nella zona di Ponte Milvio, quando, dopo la mezzanotte, sono state investite da un suv, guidato dal ventenne, mentre attraversavano la strada. Il ragazzo si è fermato subito dopo lo schianto e ha atteso l'arrivo dei soccorsi. Genovese era stato a una cena e poi si era messo alla guida, diretto a una festa.

Le analisi del perito Mario Scipione hanno poi dimostrato che le due minorenni non fossero sulle strisce pedonali. Il perito ha visionato l'auto posta sotto sequestro, ha studiato i rilievi effettuati dalla polizia locale e ha verificato il punto d'urto, la corsia percorsa, la sincronizzazione dei semafori e le condizioni di visibilità al momento dello scontro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad aggravare la posizione del 21enne una relazione tecnica della polizia postale, nella quale si legge che il giovane era al telefono quando investì le due sedicenni 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento