Poliziotto accoltellato a Tor Bella Monaca, in due a giudizio

Alla sbarra padre e figlio. Il processo inizierà il prossimo 5 maggio davanti ai giudici del tribunale di Roma

Tentato omicidio. Con questa accusa il Gup di Roma ha rinviato a giudizio un 60enne romano e suo figlio, accusati dell'accoltellamento dell'agente scelto di Polizia Yuri Sannino.

Il poliziotto del Reparto Volanti, il 28 giugno scorso, insieme ad un collega, al termine di un inseguimento nel quartiere romano di Tor Bella Monaca, venne accerchiato da una trentina di persone e poi accoltellato in via Cochi.

In particolare, il padre è accusato di tentato omicidio, mentre il figlio deve rispondere di concorso formale nello stesso reato. Il processo inizierà il prossimo 5 maggio davanti ai giudici del tribunale di Roma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il racconto dell'agente Yuri Sannino

I fatti risalgono allo scorso 28 giugno quando la Polizia di Stato è intervenuta a Tor Bella Monaca dove un uomo, Pietro Maruca, che ha poi accoltellato il poliziotto, aveva appena appiccato un incendio nella tabaccheria dove lavorava la moglie in via dei Cochi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

  • Coronavirus: a Roma 43 nuovi positivi, 4429 casi in totale nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, 36 nuovi contagiati a Roma: 3186 gli attuali positivi nel Lazio. Trend per la prima volta è al 3%

  • Coronavirus: a Roma 45 nuovi contagiati. Nel Lazio 3106 gli attuali positivi, 193 sono in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento