Incidente in Etiopia: Pilar e Virginia, le due ragazze romane morte nel disastro aereo

Le due giovani lavoravano con il World Food Programme. Il cordoglio della sindaca di Roma Virginia Raggi

Pilar Buzzetti e Virginia Chimenti sono morte nell'incidente aereo dell'Ethiopian Arlines. Le due ragazze romane lavoravano con ruoli diversi nel World Food Programme dell'Onu. Si stavano recando a Nairobi dove avrebbero partecipato alla conferenza sul clima organizzato dalle Nazioni Unite.

Pilar Buzzetti, 30 anni, lavorava da quasi quattro anni al World Food Programme. Ex studentessa Università Roma Tre, aveva conseguito la laurea specialistica in Relazioni Internazionali con 110. Era stata consulente anche per l'associazione di studio, ricerca e internazionalizzazione in Eurasia e Africa, e volontaria con il gruppo di Medici Senza Frontiere. Da lì il percorso che l'ha portata nel ramo dei servizi umanitari e con l'Onu. 

Vittima del disastro aereo anche Virginia Chimenti, lei di 26 anni. Lei dopo aver studiano nel liceo Amedeo Avogardo nel quartiere Coppedè di Roma, si era poi trasferita Milano. Lì la lauera alla Bocconi, con indirizzo ecomonico commerciale, quindi il master a Londra in studi orientali.

Poi l'esperienza alla United Nations Capital Development Fund e all'Ifad, International Fund for Agricultural Development. Dal 2017 era funzionaria consulente Budget Officer del WFP dell'Onu. Con la passione per l'Africa anche lei era diretta, con Pilar, Paolo Dieci, e gli altri a Nairobi, dove però non è mai giunta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Cassia, auto contro un pilone: due morti

  • In bilico sul balcone si lascia cadere nel vuoto, salvata dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Sciopero, oggi a rischio bus Cotral e Roma Tpl: gli orari e le linee interessate

  • Meteo Roma, peggiorano le previsioni: l'allerta diventa "codice arancione"

  • Incidente a Colli Albani, autocarro investe e uccide 42enne in via Menghini

  • Mercatini di Natale a Roma: tutti quelli da non perdere

Torna su
RomaToday è in caricamento