Caricato su un'auto, viene sequestrato e picchiato da due uomini in aperta campagna

La vittima ha riferito di essere stata rapinata ma la polizia ha poi accertato una differente versione. Le violenze nella cittadina di Santa Marinella.

Caricato in auto, sequestrato, portato in aperta campagna e poi picchiato. Tutto è iniziato attorno alle 16:30 di domenica 03 novembre, quando un 46enne, di Santa Marinella viene soccorso e trasportato da un’ambulanza presso il Pronto Soccorso dell’ospedale San Paolo di Civitavecchia con ferite al volto ed una frattura delle ossa nasali.

L’uomo racconta ai sanitari di essere stato prelevato con la forza da tre malviventi, sconosciuti e incappucciati a bordo di una Bmw che dopo averlo fatto salire a forza sul mezzo lo hanno trasportato in una zona isolata e, dopo averlo brutalmente malmenato e rapinato di 600 euro, lo hanno abbandonato in aperta campagna allontanandosi a bordo del veicolo.

I sanitari, vista la gravità di quanto accaduto all’uomo hanno subito allertato i poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Viale della Vittoria, diretto da Paolo Guiso che, giunti in ospedale per verificare i fatti e raccogliere ogni elemento utile all’identificazione dei rapitori, lo hanno sentito in merito a quanto gli era successo poco prima.

Il racconto del 46enne è apparso, agli investigatori, lacunoso e contraddittorio.

Pertanto, dopo aver sentito la testimonianza della vittima, gli inquirenti hanno effettuato un sopralluogo sul luogo dove l’uomo è stato soccorso e, ripercorrendo il tragitto tra il posto dove ha raccontato di essere stato prelevato e quello dove si sarebbe consumato il pestaggio, hanno individuato la presenza di numerose telecamere del servizio di videosorveglianza comunale.

Gli agenti, con il supporto della Polizia Locale di Santa Marinella, hanno immediatamente  visionato le immagini individuando la BMW, indicata dall’uomo, che transitava proprio negli orari emersi durante il suo racconto.

Da un’attenta visione delle immagini, i poliziotti, sono riusciti a risalire alla targa del veicolo che, dagli accertamenti effettuati, è risultata di proprietà di un santamarinellese di 55 anni, rintracciato poco dopo presso la sua abitazione.

L’uomo, accompagnato negli Uffici del Commissariato, ha dapprima negato le proprie responsabilità, ma di fronte  alla ricostruzione degli agenti, ha ammesso quanto accaduto, negando però di aver commesso la rapina.

Dalle immagini, i poliziotti hanno riscontrato la presenza, all’interno del veicolo, di un altro uomo, individuato in brevissimo tempo dagli agenti, un 39enne anch’egli di Santa Marinella, che dovrà rispondere assieme al 55enne di concorso in sequestro di persona e lesioni.

Le motivazioni del gesto non sono ancora chiare agli investigatori, ma dalla ricostruzione  dei fatti e dalle testimonianze raccolte, il gesto sembrerebbe legato a vecchi dissapori tra i tre conoscenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero Roma Tpl, lunedì 18 novembre a rischio i bus in periferie: orari e fasce di garanzia

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Pizza Awards Italia 2019, Roma stupisce: ecco le migliori pizze della Capitale (e del Lazio)

  • Sushi "all you can eat" a Roma: 10 ristoranti giapponesi da provare

  • Incidente a Romanina: scontro tra auto, morta una mamma. Grave la figlia

  • Meteo Roma, peggiorano le previsioni: l'allerta diventa "codice arancione"

Torna su
RomaToday è in caricamento