Piazza Annibaliano, in 300 da una settimana senza gas: "Abbandonati da tutti"

Venerdì scorso è scattato l'allarme dovuto ad una perdita di gas. C'è da rifare l'impianto. Nessuna certezza sui tempi. Nel frattempo grandi i disagi per i residenti

Trecento persone senza gas,  senza la possibilità di preparare pasti caldi, costrette a vivere senza acqua calda e ad elemosinare un minimo di normalità da amici, parenti o, peggio ancora, dalla palestra sotto casa. Non siamo in una periferia abbandonata, ma in una delle parti più lussuose e ricche del II municipio, in un comprensorio di tre palazzi in piazza Annabaliano 4, dove le case arrivano a costare anche 5000 euro al metro quadro. 

gas_piazza_annibaliano-4

Qui venerdì scorso è scattato l'allarme dovuto ad una perdita di gas. Immediato l'intervento dei tecnici Italgas che, appurata la gravità del danno, hanno chiuso il contatore centrale inibendo l'utilizzo del gas. 

Sin qui tutto nella norma, tempi celeri e per fortuna allarme cessato quasi subito. "Il problema", racconta Francesca Di Pietro, un'inquilina, "è che il guasto è stato giudicato grave. Talmente grave da richiedere il rifacimento da zero dell'impianto". In sostanza le tubazioni passavano all'interno, come in quasi tutti i palazzi di vecchia costruzione. Per la nuova legge però gli impianti devono prevedere una tubazione esterna. Da qui l'obbligo di rifare il tutto. "Un lavoro complicato", spiega ancora Francesca, "che prevede la necessità di agganciare le tubazioni a via Asmara per instradare il gas verso il nostro palazzo con una tubazione nuova". 

I tempi? "Non ci sono stati comunicati con precisione", afferma Alessia. "Si parla di settimane, un mese, ma senza certezze La cosa che però trovo assurda è che questa non sia considerata un'emergenza. E' passata ormai quasi una settimana da quanto c'è stata la perdita e siamo praticamente abbandonati a noi stessi, costretti ad elemosinare una doccia o un pasto caldo da amici e parenti". Nel palazzo abitano molti studenti fuori sede iscritti alla Luiss, ma anche molte famiglie con bambini piccoli. "Se non è un'emergenza questa, cosa deve essere considerata tale? Se c'è una burocrazia che blocca tutto, chiediamo che la si sblocchi e le autorità, laddove è necessario, intervengano".  

gas_piazza_annibaliano-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento