Ardea, in casa ha 40 piante di marijuana: "Servono per curare il morbo di Chron"

L'uomo è stato scoperto dagli agenti nel corso di un controllo presso l'abitazione dei vicini. Arrestato per possesso, coltivazione e produzione di droga

Nel corso di un controllo presso l'abitazione dei vicini da parte della Polizia è stato trovato in possesso di circa 40 piante di marijuana. Ma quando si è trovato davanti gli agenti si è giustificato sostenendo di essere affetto dal morbo di Chron e di assumere il principio della marijuana per curarsi. L'uomo, identificato per F.B. è stato arrestato insieme ai vicini per possesso, coltivazione e produzione di droga. 

Gli agenti sono arrivati alla sui abitazione di Ardea nel corso della perquisizione dell'abitazione dei vicini, da tempo tenuti sotto il controllo degli investigatori del commissariato di Porta Maggiore che hanno ricostruito una pista che dal centro di Roma è arrivata fino al litorale laziale. Gli agenti stavano operando nel giardino di pertinenza dei vicini quando si sono accorti che nel giardino confinante, all’interno di alcuni vasi,  vi era la presenza di alcune piante simili a quelle già sequestrate. Così è scattata la seconda perquisizione che ha portato alla scoperta di altre 40 piante di marijuana oltre alle circa 20 piante ritrovate nella prima abitazione. 

Terminate le verifiche e identificato per F.B., sia lui che i suoi vicini sono stati accompagnati in ufficio. Tutti arrestati per  possesso, coltivazione e produzione di droga.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

Torna su
RomaToday è in caricamento