Giubileo: venerdì in Questura il piano sicurezza, ma Roma è già blindata 

Zone sensibili, posti di blocco, strategie di prevenzione riviste alla luce del livello di allerta 2. Intanto però che l'aria sia cambiata dai fatti di Parigi è evidente

Il clima percepito è teso, e per quanto l'incubo di una città militarizzata sia stato scongiurato a parole da Alfano, i romani notano la differenza. Le 24mila unità militari annunciate dal Viminale a presidiare la città in vista del Giubileo, e dopo i fatti di Parigi, si sentono.

Mille uomini in più tra le forze armate, settecento soldati e con mimetiche e mitragliatrici in vista già in arrivo, trecento pronti a breve a blindare il centro storico. E ancora posti di blocco nell'area del Vaticano, gli uomini del reparto prevenzione crimine chiamati da fuori Roma, addirittura dalla Sicilia, per integrare le volanti a disposizione della Polizia romana. 

Venerdì in Questura gli addetti ai lavori verranno informati sul piano speciale post Parigi nei dettagli. Zone sensibili, posti di blocco, strategie di prevenzione riviste alla luce del livello di allerta 2. Intanto però che l'aria è cambiata è evidente. Stazioni della metropolitana vicine alle mete turistiche, il Colosseo, piazza Venezia e via dei Fori Imperiali, piazza Navona, il Pantheon. E ancora piazza Farnese, dove ha sede l'ambasciata francese, piazza della Repubblica. 

Decine di obiettivi sensibili già individuati e già presidiati, dall'accademia di Francia, passando per il Ghetto e i luoghi di aggregazione della comunità ebraica, fino alle stazioni ferroviarie, da Termini con i controlli a campione sui documenti di identità prima di accedere ai binari, all'area di Tiburtina e San Pietro, controllate da pattuglie di polizia e carabinieri. Si aggiungono gli obiettivi anonimi che rientrano nel target scelto dai terroristi per Parigi.

Nessun simbolo e nessuna istituzione. Ristoranti, teatri, cinema, stadi, scuole. Anche i semplici luoghi di aggregazione rientreranno nelle misure speciali di sicurezza. Niente verrà lasciato al caso. Una città protetta ma non militarizzare? Più facile a dirsi che a farsi. 

LEGGI ANCHE--->A ROMA AUMENTANO I CONTROLLI, MA PER ORA NESSUNA PSICOSI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi casi, sono 11 in totale nel Lazio. I dati Asl del 27 maggio

Torna su
RomaToday è in caricamento