Smart in doppia fila ferma il bus, passeggero difende autista e viene pestato in via Albalonga

Le violenze sono accadute davanti a Pompi, in via Albalonga. Il racconto della vittima su RadioCapital. "Picchiavano come tori"

La vittima ha raccontato quanto accaduto a RadioCapital

Pestato a sangue per aver preso le difese del conducente del bus che chiedeva di spostare un'auto in doppia fila che bloccava il passaggio del 649.  La violenza choc è avvenuta intorno alle 22:30 di domenica 6 maggio in via Albalonga, dove tre auto di clienti di Pompi impedivano al bus di transitare sulla strada di San Giovanni. A raccontare la vicenda la vittima dell'aggressione, un 33enne romano, intervistato da Antonio Iovane su RadioCapital (qui l'audio). 

Auto in doppia fila in via Albalonga

I fatti, confermati dalla Questura di Roma, sono raccontati nel dettaglio dalla vittima: "Mi trovavo a bordo del bus 649 quando lo stesso si è dovuto fermare per la presenza di tre auto in doppia fila". L'autista suona il clacson e due delle tre vetture vengono immediatamente spostate. "Una terza auto, una Smart - racconta ancora il 33enne romano - è invece rimasta dove era, dove erano seduti due ragazzi divertiti dalla scena". Il conducente apre quindi la portiera per chiedere di chi è la Smart ma i due ragazzi: "in modo strafottente, hanno iniziato a chiedere cosa volesse e perchè dovessero togliere la macchina". 

Passeggero bus pestato per un'auto in doppia fila 

Il passeggero "urtato dall'atteggiamento dei due", interviente a favore dell'autoferrotranviere per "velocizzare lo spostamento dell'auto", ma scatena la reazione dei due giovani: "Che caz.. vuoi? Fatti i caz..i tuoi! Ed iniziano a spintonarmi". Poi "ricordo solo che mi sono ritrovato a terra, sul vano disabili del mezzo pubblico, preso a calci e pugni da questi due deficienti che picchiavano come tori. Più vedevano sangue e più picchiavano". 

Aggressori in fuga

"Mi alzo ricoperto di sangue - ricorda ancora il passeggero del bus - con la mia compagna che piangeva in stato di choc". "Grondavo di sangue con gli altri passeggeri completamente sconvolti. L'autista ha chiuso le porte e loro hanno continuato a minacciare dando calci contro il bus". I due rimuovono quindi la targa della Smart e parcheggiano la CityCar poco più avanti. "Poi sono scappati furtivamente in un palazzo di piazza Re di Roma"

La denuncia alla polizia

Nel parapiglia alcune persone allertano le forze dell'ordine con l'arrivo sul posto degli agenti del commissariato San Giovanni. "Mi hanno trovato in una maschera di sangue", racconta ancora il giovane classe 1985. Quindi la denuncia, "fatta anche dall'autista e da due donne con accento dell'Est Europa". Il 33enne è stato quindi accompagnato al Policlinico Umberto I dove è stato dimesso con 8 giorni di prognosi con due punti di sutura alla testa. I due, "fratelli" sarebbero quindi stati identificati e denunciati.  

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Atac: tutti gli abbonamenti agevolati

  • Il miglior pane d'Italia: il Gambero Rosso premia due forni di Roma con il massimo dei voti

  • Distributori di Benzina "No Logo": dove il pieno costa meno

  • 7 laghi meravigliosi da visitare nei dintorni di Roma

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro e bus a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Terremoto Roma: scossa avvertita in diverse zone della città. Epicentro a Colonna

  • Sciopero a Roma, martedì 25 giugno metro e bus a rischio: tutte le informazioni

  • Atac: tutti gli abbonamenti agevolati

  • Uccide la moglie e poi si spara: i due coniugi non riuscivano a pagare l’affitto

  • Il miglior pane d'Italia: il Gambero Rosso premia due forni di Roma con il massimo dei voti

Torna su
RomaToday è in caricamento