Pescatori di frodo: recuperati e restituiti al mare 7500 ricci

Multati tre persone soprese dalla Guardia Costiera nella zona di Santa Marinella

I ricci restituiti al mare dalla Guardia Costiera

Lotta senza quartieri ai pescatori di frodo. Proprio in tale ambito la notte fra il 7 e l'8 febbraio, la Guardia Costiera di Civitavecchia, durante attività di pattugliamento notturno finalizzato all’attività di contrasto alla pesca illecita, ha operato un ingente sequestro di 7500 ricci a danno di tre pescatori lungo il litorale di Santa Marinella, sferrando un ulteriore colpo alla pesca abusiva dei pregiati frutti di mare.

A seguito di attività investigativa e diversi appostamenti, a mezzanotte circa, il personale operante, individuava e fermava due pescatori non autorizzati intenti nella raccolta degli echinodermi, provvedendo al sequestro di circa 5.000 ricci di mare, contenuti in cinque ceste, oltre che dell’attrezzatura subacquea utilizzata.

Due ore più tardi veniva intercettato un terzo pescatore di frodo, rinvenuto in possesso di circa 2.500 esemplari, illecitamente sottratti dai fondali antistanti.

Ai tre soggetti, tutti pugliesi, venivano così contestate 5 sanzioni amministrative per un totale di 15.000 euro e disposto il sequestro di più di 7.500 ricci di mare, i quali ancora vivi e vitali, venivano contestualmente rigettati in mare arginando in tal modo ulteriori danni al delicato ecosistema marino della costa interessata. 

Sequestro ricci mare Santa Marinella 1-3

L’intensa attività di vigilanza della Guardia Costiera si pone l’obiettivo di contrastare l’abusivo esercizio di tale pesca, tutelando così gli operatori che, autorizzati, la esercitano lecitamente e nel pieno rispetto delle risorse.

Il litorale, storicamente riconosciuto quale inestimabile bene ambientale e caratterizzato da un prezioso ecosistema marino, di cui i ricci di mare ne costituiscono un valore aggiunto, oggi più che mai necessita di una accurata preservazione al fine di evitare che l’attività antropica, ed a maggior ragione quella non autorizzata, ne provochi un repentino ed incontrastabile declino.

A riguardo la Capitaneria di porto di Civitavecchia, in collaborazione con gli operatori del settore e il CISMAR (Centro Ittiogenico sperimentale marino) di Civitavecchia, in un’ottica di maggiore prevenzione, sta elaborando studi e progetti per un uso più consapevole delle pregiate risorse marine. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento