Le ossa in Nunziatura appartengono ad un uomo

I resti non sono nè di Emanuele Orlandi nè di Mirella Gregori perché risalgono a prima del 1964

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi arriva la conferma: le ossa ritrovate il 30 ottobre scorso nella sede della Nunziatura Apostolica, nello stabile di Via Po a Roma, non sono di Emanuela Orlandi né di Mirella Gregori, le due minorenni scomparse nella capitale nel 1983. I resti apparterebbero ad un uomo.

È quanto si apprende in Procura dopo i primi risultati delle analisi relative alla datazione di alcuni resti, in particolare sulla calotta cranica e sul radio: da essi si evince che sono certamente antecedenti al 1964 (quando le due ragazze non erano ancora nate).

Nei giorni scorsi si erano diffuse voci per cui i resti sarebbero molto più antichi di quanto si fosse pensato in un primo momento, quando era affiorata l'ipotesi che potessero appartenere alle due quindicenni scomparse nel 1983 a pochi giorni di distanza.

I resti non solo sembrerebbero appartenere ad una persona adulta, ma sarebbero notevolmente deteriorati. Gli accertamenti dei poliziotti della Squadra Mobile e della polizia Scientifica, coordinati dalla procura di Roma, proseguiranno comunque nelle prossime settimane. L'obiettivo è quello di dare un nome ai resti ossei ritrovati. Non è escluso che per fugare ogni dubbio si proceda comunque all'esame del Dna.

 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Abbiamo impiccato Greta Thunberg a Roma", la rivendicazione su facebook

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento