homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Omicidio Varani, Foffo al Pm: “Volevo uccidere mio padre”

Le parole del 29enne davanti al Pm Francesco Scavo nel corso del secondo interrogatorio svolto nel carcere di Regina Coeli

Da sinistra Manuel Foffo, Luca Varani (la vittima) e Marco Prato

"Volevo uccidere mio padre e forse ho combinato tutto questo per vendicarmi di lui". Ancora particolari agghiaccianti sull’omicidio di Luca Varani, a rivelarli al pm Francesco Scavo nel corso del secondo interrogatorio svolto venerdì scorso nel carcere di Regina Coeli Manuel Foffo, il 29enne proprietario dell’appartamento dove si è consumato il delitto del 23enne. Ad uccidere il giovane de La Storta assieme a Foffo Marco Prato, con l’assassinio consumato durante un festino a base di alcol e cocaina con la morte del 23enne avvenuta dopo ore di sevizie. 

"Il momento in cui ho perso il controllo di me stesso credo sia quando tra me e Marco è uscito l'argomento di mio padre". Così Manuel Foffo nel verbale del secondo interrogatorio reso davanti al pm Francesco Scavo. "Io e Marco abbiamo iniziato a parlare a lungo di mio padre e questa cosa mi ha fatto 'venire il veleno', avevo una forte rabbia interiore - continua Foffo - Questo è durato fino alle 2.30. Durante i nostri discorsi ricordo che era come se Marco sembrava darmi ragione, i nostri discorsi erano davvero sinceri, lui mi guardava con uno sguardo criminale".

L’omicidio di Luca Varani, ucciso in seguito a sevizie infertegli con un coltello ed un martello, si consumò nell’appartamento di via Igino Giordani di Foffo, poi la confessione del 29enne allo stesso padre e la scoperta dei carabinieri del cadavere del 23enne nell’abitazione di Verde Rocca-Colli Aniene. I militari dell’Arma trovarono Prato poco dopo in un albergo nella zona di piazza Bologna, salvato mentre tentava di togliersi la vita. Ascoltati dai giudici restano ora le verità di Foffo e Prato, che puntano l'uno a incolpare l'altro. Il primo ha raccontato di sentirsi "costretto a rimanere in contatto con lui (Prato) per la presenza di un video che li ritraeva in un rapporto sessuale insieme".

Marco Prato invece racconta una verità opposta. Sarebbe stato Foffo a costringerlo a traverstirsi da donna perché, non essendo gay, voleva simulare rapporti con una donna. E sempre Foffo, secondo Prato "era come impazzito mi ha chiesto prima di versare un farmaco nel bicchiere di Luca e poi dopo che questo aveva cominciato a stare male mi ha chiesto di ucciderlo: "Questo stronzo deve morire", urlava in preda a un improvviso e insensato odio e repulsione verso Varani”.

Una versione, quella fornita da Prato, che ha spinto Foffo e il suo legale, Michele Andreano, a richiedere un nuovo interrogatorio nel quale ha spiegato che Prato "ha detto bugie. Racconta falsità su di me e su quello che ho fatto. Io non sono omosessuale, ho le mie perversioni ma non sono predatore sessuale, non sono uno stupratore". 

Valter Foffo, il papà di Manuel, aveva raccontato la sera del 7 marzo, a poche ore dall’omicidio, quanto accaduto a Porta a Porta: “Un ragazzo modello, con un quoziente intellettivo superiore alla media. Non era uno sbandato”. Con il padre del 29enne che ha poi raccontato gli attimi in cui il figlio gli ha confessato l’omicidio: “Era strano. Eravamo in macchina e gli ho chiesto perché dal giorno prima non mi rispondeva. Mi ha confessato l'uso di cocaina, ma mi ha anche detto di aver fatto qualcosa di peggio, di aver ucciso una persona insieme ad un amico". A 200 chilometri da Roma, in auto, padre e figlio sono tornati nella Capitale e dopo aver chiamato l'avvocato e i carabinieri, hanno svelato l'orrore del delitto dello sballo. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Il giovane Foffo ha dichiarato che voleva uccidere il padre ed ha combinato tutto per vendicarsi di lui. Questa associazione negativa non può in nessun modo giustificare quanto è accaduto. Ma riflettendo su quello che ha detto suo padre nel corso dell'intervista rilasciata a Porta a Porta qualcosa di vero c'è. Questo padre che parla di un figlio modello ,con un quoziente di intelligenza superiore alla norma, che invece di rinchiudersi nel suo dolore parla dell'accaduto in Tv, e invece chissà questo figlio dalle qualità tanto decantate che livello di frustrazione nasconde ., che tipo di frequentazioni ha. L'unica cosa sensata, poiché niente e nessuna confessione riporterà in vita Luca, ora è quella di accettare la realtà delle cose, assumersi le proprie responsabilità e affrontare la pena che merita.

  • in carcere pschiatrico senza se e senza ma,,,,questi sono mostri

  • Ma zozzi che non siete altro, e lei sig foffo ora stia zitto... Maiali assassini

  • Evvai ora con i suggerimenti degli avvocati. Così ora salva pure quella faccia da xulo del padre

  • Era meglio se lo faceva al padre

  • Ma era meglio che ammazzava il padre che l ha creato a sto f.ro.cio assassino pure la madre che la sgravitati e infine se doveva ammazza lui

    • grande pantera

Notizie di oggi

  • Politica

    Renato ucciso dal Fascismo: "Dieci anni dopo accade ancora. Fermo lo dimostra"

  • Politica

    Rocca Cencia, contro i miasmi Muraro blocca le attività "incriminate"

  • Cronaca

    Terremoto, oggi lutto nazionale: Mattarella in visita nei paesi colpiti

  • Cronaca

    Amatrice isolata, chiuso il ponte a Tre Occhi: almeno 3 giorni per la bretella sostitutiva

I più letti della settimana

  • Terremoto Amatrice: i nomi delle vittime

  • Terremoto Amatrice, morti sotto le macerie

  • Terremoto, nuova scossa avvertita anche a Roma: epicentro a Perugia

  • Roma, terremoto nel centro Italia: morti e feriti nel reatino. "Amatrice non esiste più"

  • Terremoto, in tanti vogliono fare i volontari: tutte le informazioni

  • Turisti di Civitavecchia coinvolti in una maxi rissa in Salento: 8 feriti

Torna su
RomaToday è in caricamento