Omicidio Vannini: 14 anni di carcere per il padre della fidanzata, tre anni al resto della famiglia

Il Pubblico Ministero aveva sollecitato una pena di 21 anni per Antonio Ciontoli. Ira in aula dei familiari della vittima

Marco Vannini

Quattordici anni per il capofamiglia Antonio Ciontoli e tre anni per il resto della famiglia: la moglie Maria Pezzillo e i figli Federico e Martina (fidanzata della vittima). E' la sentenza emessa quest'oggi dai giudici della I Corte d'Assise di Roma per l'omicidio di Marco Vannini, il 21enne di Cerveteri ucciso il 18 maggio del 2015 con un colpo d'arma da fuoco che lo raggiunse mentre si trovava in casa della sua compagna a Ladispoli. Il pubblico ministero Alessandra D'Amore aveva sollecitato una pena a 21 anni di carcere per il capofamiglia, sottufficiale della Marina Militare. In sede di requisitoria il magistrato aveva chiesto inoltre 14 anni di carcere per la moglie di Ciontoli e due per i figli. Assolta la fidanzata di Federico Ciontoli, Viola Giorgini, accusata di omissione di soccorso.

L'ira dei familiari di Marco Vannini 

"Questa decisione è vergognosa, non posso più credere nella giustizia". E' quanto ha gridato Marina, la madre di Marco Vannini, dopo la sentenza della prima Corte d'Assise che ha riconosciuto l'omicidio volontario solo per Antonio Ciontoli. "Mi hanno ammazzato il figlio a 20 anni per due volte - le parole della donna - questa è una sentenza vergognosa". La decisione del tribunale è stata accolta con rabbia dai tanti presenti in aula.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Forse ci si dimentica che in Italia, come in tutti gli stati che si considerano "civili", la detenzione non ha uno scopo "punitivo" ma "educativo", ovverosia deve far si che il condannato possa reintegrarsi in una società, quindi 2, 8, 40 anni sono assolutamente relativi. Certo, finché ci si ostina a chiamarla "pena" è difficile che questo concetto venga appreso dall'opinione pubblica... ma forse è ciò che si desidera.

  • non comprendo bene. perché una condanna così breve ? è i familiari sono complici in tutto .immissione di soccorso e complicità. non hanno mosso un dito sono stati a vedere e sentire le strazianti richieste di aiuto di quel figlio....non è possibile. dono.ostri hanno prima pensato a come proteggersi. è per tre anni hanno fatto la loro sporca vita. maxquella donna che è madre .non ha avuto pietà di quel figlio che chiedeva aiuto e chiamava la madre ...mondo strazia il cuore al solompendare acqueo.povero figlio e a quei poveri genitori. non è giustizia questa

  • La magistratura è uno stato nello stato. Già fa schifo lo stato... Figuriamoci il secondo. Che pena.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rimossa la favela di viale della Serenissima: 60 persone disperse sul territorio. Sequestrata l'area

  • Politica

    Strade, l'assessora Gatta: "Ora basta associare Roma alla parola buche"

  • Politica

    M5s vuole il car sharing anche in periferia: l'obiettivo è allargare la mappa di copertura dei tre operatori

  • Politica

    Ippodromo Capannelle, per la riapertura c'è un piano b: il Campidoglio pensa ad una società in house

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro e bus a rischio. Gli orari e le fasce di garanzia

  • Centocelle, quartiere sotto shock: 16enne muore in piazza dopo aver bevuto un drink

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • A Roma giovedì 17 gennaio 2019 doppio sciopero: le motivazioni dei sindacati

  • Cinecittà est: 22enne trovata morta nel bagno di un bar

  • Lunedì sciopero nazionale dei trasporti: a Roma regolari i mezzi Atac e Roma Tpl. A rischio corse Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento