Cadavere a Ponte Mammolo: macchie di sangue fino ad un'abitazione. Fermato un 66enne

La vittima aveva 41anni. I Carabinieri hanno trovato delle tracce di sangue nell'abitazione di un uomo sottoposto poi a fermo di pg

I rilievi scientifici dei carabinieri del Nucleo Investigativo in via di Ponte Mammolo

C'è un fermo di pg con l'accusa di omicidio per la morte di Valerio T., il 41enne romano trovato privo di vita la mattina di venerdì 23 agosto in via di Ponte Mammolo. Si tratta di Pasquale M., di 66 anni, originario della Calabria ma residente a Roma da anni. Portato via dai carabinieri in tarda mattinata l'uomo è sospettato di esser coinvolto nella morte dell'uomo trovato cadavere da un passante intorno alle 7:00 nella strada senza uscita della periferia nord est della Capitale.  

Alla casa dell'uomo di 66 anni, ai domiciliari dove sta scontando una pena per droga, i carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci sono arrivati seguendo le tracce di sangue del 41enne. Alla base dell'omicidio ci sarebbe una lite tra i due, entrambi noti alla giustizia per stupefacenti.

"Omicidio", dunque, questa l'ipotersi di reato sulla quale la Procura di Roma ha aperto un fascicolo d'indagine per la morte di Valerio T. Acquisita l'informativa dagli investigatori, il Gip di turno è chiamato adesso a convalidare il fermo di pg entro le prossime 48 ore. 

Priva di documenti, la salma dell'uomo verrà ora sottoposta agli accertamenti dattiloscopici per avere certezza della sua identità. Portato via il corpo dalla polizia mortuaria dopo che il medico legale ha riscontrato una ferita d'arma da taglio al polpaccio del 41enne, con una copiosa macchia di sangue sui pantaloni, a destare sospetti sul 66enne, con problemi di droga alle spalle come la vittima, le tracce di sangue trovate dal punto in cui era il cadavere fin dentro alla sua abitazione.

Portato il 66enne in caserma, dove l'uomo è stato poi sottoposto a fermo di pg, i militari dell'Arma hanno svolto una perquisizione in casa dello stesso a caccia di elemeti utili alle indagini e per trovare l'eventuale arma del delitto. Messa la salma a disposizione dell'Autorità Giudiziaria sarà ora l'autopsia a chiarire le cause della morte dell'uomo. 

VIDEO | Il luogo del rinvenimento del cadavere

"Sono passato su questa strada stanotte intorno all'1:00 - racconta un uomo - e non c'era niente". Diverso il racconto di una seconda persona, un cittadino romeno che dimora in un insediamento abusivo che si trova a ridosso del Ponte Mammolo, sulle rive del fiume Aniene. "Sono uscito stamattina verso le 8:00 ed ho trovato i carabinieri e quest'uomo morto in terra - ricorda a RomaToday - era steso in terra di schiena ed aveva una grossa macchia di sangue sui pantaloni. Accanto a lui - ricorda ancora il senza fissa dimora - c'erano tante tracce di sangue, anche a distanza di diversi metri". 

Articolo aggiornato alle ore 16:51 del 23 agosto 2019. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidente via Colombo: auto in un fosso, trovata morta ragazza di 28 anni

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • Maratona via Pacis a Roma, domenica 22 settembre strade chiuse in centro. Deviate 60 linee bus

Torna su
RomaToday è in caricamento