giovedì, 31 luglio 23℃

Pisana, agguato in pieno giorno in via del Fontanile Arenato

Un uomo di 64 anni è stato ucciso a Roma in pieno giorno nei pressi del garage condominiale della sua abitazione a La Pisana. Si cercano anche prove tra i cassonetti dei rifiuti

Redazione 24 gennaio 2012
16

Un nuovo agguato mortale macchia di sangue le strade della capitale: Antonio Maria Rinaldi, un uomo di 64 anni è stato ucciso in via del Fontanile Arenato in zona Pisana.
L'AGGUATO - L'agguato è avvenuto in pieno giorno, alle 14.15, nei pressi del garage condominiale della vittima. Rinaldi, originaria di Salerno, lavorava nel settore delle aste immobiliari. La vittima è stata raggiunta da un colpo di pistola alla tempia nel garage condominiale della propria abitazione.

IL TESTIMONE - "L'uomo che ha ucciso Antonio aveva tentato di rapinarlo, ma lui si è rifiutato e per questo è stato ucciso. Il killer era incappucciato ed è fuggito a piedi". Sarebbero queste le parole dell'unico testimone dell'omicidio dell'uomo di 64 anni: è un amico che era con lui. Il cadavere della vittima è stato trovato a terra, dietro la Smart parcheggiata nel proprio garage. La vittima aveva un precedente per droga che risale al 1998.

INDAGINI - E' l'agguato la pista seguita dagli investigatori che indagano sull'omicidio. Si cercano anche prove tra i cassonetti dei rifiuti in via del Fontanile Arenato, lungo la strada dell'abitazione della vittima, uccisa nel garage. I camion dell'Ama, che stanno svuotando i cassonetti, saranno posti sotto sequestro, alla ricerca di possibili elementi, per rinvenire qualsiasi oggetto di cui il killer avrebbe potuto disfarsi subito dopo l'omicidio. La vittima, Antonio Maria Rinaldi, abitava al terzo piano del palazzo, viveva in attico con la madre e una badante. Era titolare di un'agenzia di aste immobiliari. I suoi uffici, che si trovavano a Prati, erano stati poi spostati all'Eur.

LA RAPINA  NEL PALAZZO - Nello stesso edificio dove abitava l'uomo ucciso questo pomeriggio, era stata messa a segno una rapina da 60 mila euro lo scorso agosto. In via del Fontanile arenato i malviventi si erano introdotti in un appartamento al terzo piano, lo stesso piano dove abitava l'uomo ucciso. Secondo quanto riferito da alcuni residenti, lo scorso 19 agosto i ladri, dopo aver bussato alla porta delle vittime, avevano minacciato una donna, il figlio e il marito, chiedendo loro dove si trovassero i soldi: il bottino fu di 60 mila euro.

“Roma  è divenuta oramai in questi ultimi anni, per la criminalità, la piazza da prendersi o da difendere e di conseguenza, teatro di delitti e violenza a mano armata con escalation di atti intimidatori, omicidi e quant’altro. Non ci sono iniziative messe in campo da questa amministrazione e i vari patti per Roma sicura  (siamo al terzo), non bastano.”.E’ quanto dichiara il Consigliere capitolino Athos De Luca.
“Rimangono – conclude De Luca - solo gli sfrenati attacchi alle precedenti amministrazioni e ai loro sindaci in campagna elettorale e null’altro. Alemanno si trincea, nascondendosi, dietro le responsabilità del Ministero degli Interni ma chi fa il sindaco, ha le sue responsabilità e i poteri per poter intervenire e non creda di poter distrarre l’attenzione allontanando rom o qualche venditore ambulante, a Roma la violenza ha altre facce e altri”

 

Annuncio promozionale

 

Antonio Maria Rinaldi
La Pisana
moby
sparatorie

16 Commenti

Feed
  • Avatar di marco rossi

    marco rossi Roma ormai è stretta nella morsa della criminalità organizzata, i tanti allarmi lanciati negli anni scorsi sono rimasti inascoltati. La camorra, ad esempio, si è infiltrata e radicata nel Basso Lazio da tempo, ma anche in questo caso tutto è passato sotto silenzio. Alemanno ha le sue colpe, ma di fondo il vero grosso problema è la connivenza tra malavita organizzata e politica, gli esempi non mancano, ed in Parlamento, infatti, continua ad arrivare gente poco raccomandabile, E' certamente un problema di ordine e sicurezza pubblica di competenza delle forze di polizia, ma siamo noi cittadini a dover aprire gli occhi...

    il 24 gennaio del 2012
    • Avatar di enrico veletti

      enrico veletti Bravo, hai centrato l'argomento, solo che al punto in cui siamo, a Roma e in Italia, non c'è più niente da fare. Quando non contrasti la delinquenza dall'inizio, anzi le lasci prendere piede, questa si insinua dappertutto e, contro le armi e la capacità di corruzione, infiltrazione, ricatto e dominio non c'è più niente da fare. Ormai Roma e l'Italia sono come Palermo e Napoli. Solo la mafia potrebbe dare l'ordine di  contrastare e battere la delinquenza, tutti gli altri poteri sono al di sotto della mafia e contano come il due di coppe quando briscola è denari.

      il 25 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di Flavio

    Flavio Colpa di Alemanno??? No di una citta piena zappa di extracomunitari, rumeni, cinesi, marocchini ecc ecc, guardate in quale percentuale sono counvolti in casi di cronaca! Se solo potesse sai i calci nel k**o!

    il 24 gennaio del 2012
    • Avatar di enrico veletti

      enrico veletti La cosa drammatica è che molta gente, anche di sinistra, si aspettava  da un sindaco di destra un sano disprezzo per la delinquenza, anche quella minuta. Ci sembrava che nel dna della destra ci fosse una naturale e giusta predisposizione ad invocare e  far costruire più carceri (nell'ordine delle centinaia),  a far rispettare  le leggi anche con durezza, a mantenere l'ordine senza tentennamenti. Mi pare che i risulltati siano pari a zero, ad essere buoni. La gente ora è veramente senza speranza, perchè nel suo immaginario la destra è contro la delinquenza, la sinistra difende i più poveri. Entrambe queste convinzioni sono state tradite.

      il 25 gennaio del 2012
      • Avatar di Henry B

        Henry B > La cosa drammatica è che molta gente, anche di sinistra, si aspettava  da un
        > sindaco di destra un sano disprezzo per la delinquenza, anche quella minuta.

        Io per primo che non ho votato l'attuale sindaco ho però commentato l'elezione con un "Beh però forse un po più di rigidità nel controllo ci sarà e questo non è un male".
        Invece le cose sono peggiorate e quella parte di impegno dell'amministrazione verso cultura e divertimento (notte bianca in primis) è del tutto scomparsa inoltre molti movimenti di destra hanno rialzato la testa anche bon violenza.

        il 25 gennaio del 2012
    • Avatar anonimo di ric

      ric però quando c'era veltroni alemanno diceva che la colpa è del sindaco...e c'ha vinto le elezioni.

      il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di Cicciobello

    Cicciobello Si si colpa di Alemanno...o delle vostre madri che vi hanno messo al mondo ... idioti!

    il 24 gennaio del 2012
    • Avatar anonimo di Scemo

      Scemo tu degli idioti sei il re...

      il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di Max

    Max Roma e' invasa da camorra, mafia e ndrangheta, soli chi non vuole vedere non si e' accorto di cio'. Da Alemanno ci si sarebbe aspettato qualcosa di concreto, anche regolamentare la cartellonistica, le affissioni, l'occupazione del suolo con bancarelle e altro, la cultura del rispetto del codice della strada.. sarebbe stato un inizio per un cammino di ordine e legalita'. Ma Alemanno e' solo chiacchiere e favori agli amici e null'altro.

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar di David

    David Roma sempre più Far west...ma Alemanno non doveva incrementare la sicurezza?!?! MAI tanti attentati in un solo mandato...COMPLIMENTI!!!

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di che ipocrisia comunista ogni volta!!!

    che ipocrisia comunista ogni volta!!! destra e sinistra la solita minestra dovrebbero andare a zappare tutti, di certo colpa del sindaco non lo è mica c'è li  manda lui ahahahah

    il 24 gennaio del 2012
    • Avatar anonimo di Zag

      Zag E' il degrado generale in cui versa Roma che crea l'ambiente favorevole alla malvita. Di questo è responsabile l'attuale sindaco. Se poi pensiamo che aveva fatto la campagna elettorale sulla sixcurezza...

      il 24 gennaio del 2012
      • Avatar di Henry B

        Henry B > E' il degrado generale in cui versa Roma che crea l'ambiente favorevole alla malvita. Di questo è responsabile l'attuale sindaco. Se poi pensiamo che aveva fatto la campagna elettorale sulla sixcurezza...

        Ma è ovvio. Si parte dalla doppia fila, si passa per i posti handicappati utilizzati in maniera impropria, poi vengono i tavolini abusivi a cui rispondono i lenzuoli dei venditori abusivi e così via ...
        In mezzo a tutto questo degrado in cui se ti azzardi a protestare passi i guai è ovvio che la criminalità sguazza.

        il 25 gennaio del 2012
  • Avatar di Massimo

    Massimo Noooooo, ma che dite, non è colpa di Alemanno (e tutta la cerchia, ovviamente), è colpa della crisi, ma tanto ora con lo sciopero dei tir anche le pallottole costeranno troppo e la situazione migliorerà, vedrete.
    Intanto andiamo verso i 40! (mi pare)

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di cittadino

    cittadino roma spara aledanno impara,la mala dilaga e tu che fai??

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di massi

    massi Aledanno dimettiti

    il 24 gennaio del 2012