Omicidio Luca Sacchi, i due accusati restano in carcere. Del Grosso chiede scusa, Pirino: "Lì per rubare"

I due ventenni si avvalgono della facoltà di non rispondere. L'avvocato di Del Grosso: "Ha chiesto scusa. E' molto provato"

Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due giovani accusati dell'omicidio di Luca Sacchi a Colli Albani, restano in carcere. Il gip di Roma ha convalidato il fermo ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i due ventunenni. La decisione arriva al termine degli interrogatori di convalida del fermo durante i quali entrambi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. 

Valerio Del Grosso chiede scusa

A far emergere la reazione di Valerio Del Grosso, colui il quale è accusato di aver premuto il grilletto, è l'avvocato Alessandro Marcucci. "Ha chiesto scusa per quello che è successo. Non aveva in animo di uccidere nessuno", ha riferito all'uscita da Regina Coeli. Marcucci ha quindi aggiunto: "Si è avvalso della facoltà di non rispondere. Rimandiamo ad un'altra occasione il confronto con i magistrati. È molto provato e dispiaciuto per quello che è successo".

Paolo Pirino non sapeva Del Grosso avesse una pistola

Indiscrezioni invece sono quelle che riguardano Paolo Pirino che, pur non rispondendo alle domande dei magistrati, avrebbe reso una dichiarazione spontanea nella quale avrebbe spiegato di essere andato a fare una rapina e che non voleva uccidere nessuno, spiegando anche di non essere stato a conoscenza del fatto che Del Grosso avesse una pistola. Una dichiarazione che delineerebbe una sorta di strategia difensiva, che punterebbe a separare i destini e le accuse dei due indiziati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omicidio Colli Albani: gli elementi da chiarire

Restano da chiarire diversi punti nella vicenda che al momento si potrebbe sintetizzare come uno scambio di droga da trasformare in rapina. Da chiarire quanto circola sullo zaino da donna con molti soldi. Da capire anche il ruolo di Luca in questa vicenda, vittima ma mai citato da nessuno degli interrogati dai magistrati, a differenza della fidanzata. Perché era lì? Sapeva dei soldi? In tal senso è da chiarire la versione della fidanzata Anastasia che continua a parlare di una rapina, nega lo scambio di droga, così come riferisce che all'interno dello zaino vi fossero appena una trentina di euro. Testimoni presenti quella sera, citati all'interno del decreto di convalida del fermo, avrebbero sostenuto la presenza invece di diverse mazzette da 50 e 20 euro, per quasi 2000 euro
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento