Gelo a Roma, allerta della Regione Lazio. In Comune via al piano neve

Da domani consentito prolungamento orario riscaldamento. Preallertate strutture comunali e società servizi

Foto archivio. Nevicata 14 febbraio a Rocca Priora

Burian soffia ormai alle porte dell'Italia. Domenica il vento siberiano che da giorni sta facendo parlare tutto lo stivale entrerà nel Belpaese, investendo le regioni del nord. Da domani sono quindi attese nevicate a quote basse e un freddo intenso. Come dalle prime osservazioni delle carte metereologiche, continua ad esserci incertezza sul coinvolgimento dell'Italia centrale e quindi della città di Roma. Il gelo investirà con certezza la Toscana, l'Umbria e parte dell'Abruzzo e lambirà il Lazio. 

Nevicherà a Roma?

Precipitazione nevose escluse per Roma? Niente affatto. Gli esperti spiegano infatti che la neve cadrà quasi certamente in provincia, sui rilievi più alti, e anche in qualche zona della Capitale, per trasporto o per la formazione di nuvole grazie allo scontro tra l'aria fredda e quella più calda. Di certo le temperature caleranno, a partire dal pomeriggio di domani. Quota zero dovrebbe essere superata. Sarà quindi emergenza gelo e anche per questo, da giorni, la Regione ha allertato i comuni. Il Comune di Roma ha allertato le proprie strutture. 

L'allerta Neve della Regione Lazio

La situazione trova riscontro anche nella pre allerta meteo della Regione Lazio. "Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che dalla tarda mattinata di domani, domenica 25 febbraio e per le successive 24-36 ore si prevedono sul Lazio nevicate al di sopra dei 500-700 metri, con quota neve in progressivo calo fino a quote di pianura nel corso della sera, con apporti al suolo da deboli a moderati. Altresì, si prevedono dal pomeriggio di domani, venti settentrionali da forti a burrasca, specie sui settori settentrionali. Possibili mareggiate lungo le coste esposte. Il Centro Funzionale Regionale ha emesso pertanto un bollettino con preallarme per neve e attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio. La Sala Operativa Permanente ha diffuso l'allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza".

Diciotto ore di riscaldamenti

A seguito dell’allerta maltempo e del previsto abbassamento delle temperature nei prossimi giorni, con eventualità di neve e ghiaccio, tutte le strutture comunali, i Municipi e le società partecipate che si occupano di pubblici servizi sono in stato di preallerta. L’ordinanza firmata ieri dalla sindaca Virginia Raggi prevede che sull'intero territorio della città, dalle ore 12.00 della giornata di domenica 25 febbraio 2018 fino al perdurare delle condizioni meteorologiche avverse, la durata giornaliera di attivazione massima degli impianti per la climatizzazione invernale possa essere estesa fino a 18 ore giornaliere. Il prolungamento del riscaldamento é consentito fra le ore 5.00 e le ore 23.00 di ciascun giorno e la temperatura massima nei singoli ambienti riscaldati non dovrà superare i limiti fissati dalla normativa di riferimento.

Protezione civile in allerta 

Coordinate dalla Protezione Civile di Roma Capitale, continuano le riunioni del tavolo tecnico per il coordinamento delle attività organizzative, di monitoraggio e pronto intervento a cui partecipano i responsabili di  tutti gli uffici competenti, con l'ulteriore ricognizione delle dotazioni disponibili per fronteggiare l’eventualità di neve e ghiaccio e l’emanazione delle disposizioni necessarie ad assicurarne la distribuzione sul territorio cittadino, in relazione all’evolversi delle previsioni meteo: scorte di sale, mezzi dedicati al pronto intervento, squadre di operatori e volontari, rafforzamento del piano freddo con un tavolo specifico dedicato alle misure di accoglienza alle persone senza dimora e in condizioni di fragilità. Le disposizioni previste con l’ordinanza 189/2017 firmata a dicembre scorso dalla Sindaca Virginia Raggi sono in corso d’implementazione.

 Roma sotto zero: arriva l'ondata di gelo, i consigli per difendersi da Burian

Il Campidoglio amplia l'accoglienza

Garantire un potenziamento del circuito di accoglienza capitolino per le persone senza dimora e in condizione di fragilità, a seguito dell’allerta maltempo e del previsto abbassamento delle temperature nei prossimi giorni. Con questo obiettivo, di concerto con il coordinamento del tavolo tecnico attivato da ieri in Campidoglio, l’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale ha avviato un lavoro in sinergia con il privato sociale cittadino che ha consentito di mettere a disposizione ulteriori 186 posti notturni e 21 diurni. È inoltre in corso una ricognizione con Atac e con Ferrovie dello Stato per definire un ulteriore incremento dei posti tramite l’apertura delle stazioni metro e ferroviarie. Ricognizioni e sopralluoghi sono in corso anche in altre strutture comunali da mettere a disposizione all’occorrenza. I nuovi 207 posti a disposizione vanno ad aggiungersi al Piano Freddo che già garantisce 381 posti per accoglienza notturna e 246 per accoglienza diurna, e al sistema ordinario di accoglienza capitolina che ogni giorno, durante tutto l’anno, ospita oltre mille persone, fornisce 1.442 pasti presso le strutture e 600 pasti a domicilio. 

Scuole chiuse per neve a Castel Gandolfo

Ai Castelli Romani l'allerta è già iniziata. Per garantire la massima sicurezza degli alunni, dei docenti, del personale ausiliario e di tutti i cittadini, le scuole di Castel Gandolfo lunedì 26 febbraio resteranno chiuse "per il rischio di forti precipitazioni nevose previste". La decisione è arrivata dopo essersi confrontati con i dirigenti scolastici delle scuole primarie e secondarie, spiega il sindaco Milvia Monachesi: "La situazione sarà monitorata anche nei prossimi giorni, in attesa dei bollettini meteo che verranno emessi dalla Protezione civile regionale".

Il Comune di Frascati ha invitato gli automobilisti a circolare con catene a bordo o con pneumatici termici. Nel caso di neve, i cittadini sono stati consigliati di tenere pulite "le terrazze e i balconi delle abitazioni, seguendo inoltre le disposizioni predisposte nell'ordinanza sindacale". 

Neve e gelo fanno paura: scatta l'allerta nella Capitale. Ai Castelli scuole chiuse

In strada spazzaneve e spargisale

Nella sala operativa permanente della Regione Lazio saranno presenti a partire da domenica, per coordinare al meglio gli eventuali interventi sul territorio, tecnici dell'Azienda Strade Lazio (Astral) e rappresentanti dei Vigili del Fuoco. Considerate le possibili gelate, la Protezione Civile del Lazio, in accordo con la stessa Astral, ha disposto quantitativi di sale stoccati in diversi punti della regione. Nella giornata di domani, ad Amatrice, è stato convocato un punto operativo presso il COI. In strada saranno operativi 63 lame spazzaneve, 115 Pick-Up idonei al servizio neve, 75 mezzi polifunzionali con assetto neve, 35 turbine a mano e 219 mezzi spargisale.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento