homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Vigili, ecco le multe con le telecamere: in arrivo lo 'street control'

Il comandante su twitter: "Stiamo provando lo street control". E aggiunge: "Le multe simulate dalla strada al server". Un parere del ministero però impone agli agenti di cercare subito il trasgressore

La telecamera posizionata sopra l'auto della polizia locale per fotografare le auto in doppia fila

Guerra ad oltranza alle doppie file. Dopo le multe social, arrivano quelle con l'occhio elettronico. E' sempre il comandante della Polizia Locale di Roma Capitale Raffaele Clemente ad annunciare la novità. Lo fa, manco a dirlo, su twitter: "Stiamo provando lo street control". Si tratta di videocamere installate sulle auto di servizio degli agenti della polizia municipale. Si tratta del nuovo sistema di monitoraggio delle infrazioni stradali che i vigili stanno già sperimentando.

Un apparecchio dotato di videocamera e macchina fotografica. Può essere posizionato su qualunque veicolo ed è capace di scattare direttamente dal mezzo su cui è installato due foto in contemporanea, una d'ambiente che mostra al contempo l'infrazione compiuta e il fatto che nessuno sia all'interno del mezzo, e l'altra specifica sul numero di targa. In diretta, una volta scattata la foto, la multa viene passata al server. E' lo stesso Clemente a segnalare quest'ultimo particolare, rispondendo alle perplessità di un utente che segnalava come le multe oltre che fatte vadano poi anche riscosse.

Cauto il commento del sindacato Sulpl. Il segretario romano Stefano Giannini spiega: "Ben vengano le innovazioni tecnologiche, speriamo solo che il Sindaco non abbia solo voglia di fare le multe "a strascico" per fare cassa ed investa invece in risorse tecnologiche. Il prossimo passo deve essere la videosorveglianza agli incroci per togliere un servizio anacronistico ed impegnare così il personale in controlli di sicurezza dei cittadini sul territorio anzichè la guardia del semaforo".

Va detto però che c'è un parere espresso dal ministero dei trasporti in merito allo Street Control. Roma infatti è una delle ultime città ad utilizzare il sistema. In altre città molte sono state le polemiche, come pure i ricorsi, tanto da spingere il Ministero nel giugno del 2012 a spiegare che non basta riprendere con la telecamera un’auto in divieto di sosta, per poter inviare la multa a casa a distanza di tempo. Se la Polizia municipale usa lo ‘Street control’ per accertare le infrazioni, gli agenti sono tenuti a cercare subito il trasgressore: in caso contrario la sanzione è nulla. L’automobilista va quindi cercato subito.

La pratica, molto agevole e sbrigativa per la Polizia municipale, consiste nell’immortalare con una telecamera portatile le auto in sosta vietata lungo le strade più trafficate. Dopo aver rintracciato i dati dei trasgressori, a questi vengono inviate per posta le multe, giustificando la contestazione differita con la mancanza del destinatario a bordo dell’auto. Questa prassi, spiega il ministero, viola l’art. 201 del nuovo codice della strada (il d.lgs. 285/1992). Il codice stradale, infatti, permette la "contestazione non immediata della violazione del divieto di sosta, nel caso di accertamento in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo".

Si aspetta ora di capire come il sistema sarà applicato a Roma.

raffaele-clemente

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Se si vuol fare il paladino della giustizia lo faccia anche in via Giovanni conti. Nel lato. sx. Di ogni senso di marcia divieto assoluto di sosta ma dato che debbono ubbidire ai commercianti del mercato i vigili non fanno la multa anzi sono loro che permettono la sosta la legge si fa in alternanza

  • Concordo con Emanuele, spero che partino a raffica a fare ste multe a chi riduce costantemente le nostre strade ad un imbuto. Un esempio per tutti e' Via Acaia, puntualmente per qualche cretino/a in doppia fila si crea la coda in viale Marco Polo fino alla Colombo se non oltre!! C'e' anche da dire pero' che la via non e' mai e dico MAI presidiata da un vigile, pur essendoci un gabbiotto all'incrocio. Comunque poco male per me che vado in moto da vent'anni, pero' il caso riportato sopra e' esemplare.

  • io favorevolissimo ma invito marino no quello del vino quell'altro che dice essere sindaco, controllare anche quei vifgili e dipendenti che quanno vai nei uffici di ostiense per chiarimenti o altro stanno a fumà ar bare o ti guardano con insufficenza e sembra che sei di troppo e dai fastidio perciò controllare prima il marcio che è all'interno non prendersela sempre con il cittadino e se ci sono auto in doppia file domandiamoci l'efficacia del servizio pubblico. vergogna!!!!

    • quindi lei giustifica la sosta in doppia fila, giusto?

    • lei quindi dicendo che c'e' tra i dipendenti pubblici chi lavora male (e' cosa evidente a chiunque viva a roma) giustifica la sosta selvaggia, giusto?

  • La parte dell'articolo che dice che le multe non sono valide è errata. Infatti il parere ministeriale si riferisce alla videosorveglianza, alias le telecamere di controllo utilizzate da remoto. Lo street control è usato direttamente dagli agenti, e sul posto. Per cui SE c'è il conducente, si vedono - a vicenda - e la contestazione è immediatamente eseguita. E' una bufala che circola su internet, ma quel parere non si riferisce allo street control. Esiste invece il Parere 20/09/2011 n. 4719 sempre del ministero dei trasporti che chiarisce di fatto il giustificato motivo di utilizzo dello street control poiché è un sistema di rilevazione fotografica e non di videosorveglianza: così come previsto dalla legge, ai sensi dell'art. 13 C. 1 della L n. 689/1981, è facoltà degli organi accertatori procedere a rilievi segnaletici, descrittivi e fotografici e ad ogni altra operazione tecnica. Quindi lo Street Control è, di base, usato dai Vigili in auto e non da remoto come videosorveglianza. È da ritenersi quindi che le multe, almeno sotto questo profilo, siano legittime. Io GODO, e spero che facciano un massacro totale, perchè mi sono rotto le scatole di farmi tutta la coda per scoprire poi che era causata semplicemente da un idiota che aveva messo la macchina in doppia fila rendendo la strada da 2 corsie a 1, creando un imbuto pazzesco. Ma lo volete capire o no che se debelliamo sta drammatica doppia fila in città si scorre mooooolto di più???

    • finalmente qualcuno che scrive commenti con cognizione di causa e citando le fonti! complimenti

  • Come applicare il sistema? semplice. Se il mezzo commettente l'infrazione crea notevole intralcio alla circolazione o la rende pericolosa, si fa intervenire un carrattrezzi e la sanzione la si fa aumentare imponendo minimo 10 giorni di fermo in deposito. Così la prossima volta, il bravo pierino ci pensa a fare l'ominide super-partes. Qualora il mezzo non intralci la circolazione, giù di ganascia alla ruota con tanto di numero telefonico sovraimpresso,così da poter fare in modo che gli agenti continuino ad operare ,senza perder tempo e correre rischi dettati dalla rabbia fumantina del furbone di turno.

    • telecamere, controlli a tappeto del personale appiedato, sanzione immediata in presenza o meno del proprietario del veicolo, ganasce / carrattrezzi, sono queste le armi congiunte che devono essere utilizzate per debellare quella che e' una vera e propria pia ga di roma

  • Ben venga un po' di repressione.. d'altronde è l'unico modo per portare ordine in una città in cui le regole sono un optional e i prepotenti hanno più diritti degli onestì. Più la gente avrà paura di prendere la multa meglio sarà. Spero che la tecnologia venga messa in pratica e si cominci a colpire senza compassione chiunque non rispetta il codice.

  • Notizie inutili, solo per farsi pubblicità. Le multe tramite telecamere sono una buffonata senza un fondamento legale e verranno tutte annullate. Trovate invece un modo per far stare gli agenti in strada A LAVORARE.

    • per cortesia leggere sopra il commento dell'utente Emanuele, chiaramente una persona che, a differenza di chi come lei emette sentenze senza la minima fonte, cita delle fonti.

  • diciamo pure che spesso si vedono automobilisti passare col rosso, sorpassare dove non è consentito, non rispettare stop e precedenze anche in presenza di macchine della municipale e quest'ultimi a meno che non ci sia un posto di blocco in corso non mi sembrano molto propensi a fermare e multare chi commette questi "reati stradali!"..... e poi noi cittadini possiamo fare le foto per far fare la multa (che mai verrà pagata) a vigili poliziotti carabinieri finanzieri quando parlano al telefono mentre guidano o quando lasciano la macchina in doppia fila per andare al bar?????

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rivolta dei rifiuti a Tor Bella Monaca: cassonetti in fiamme, interviene la polizia

  • Incidenti stradali

    Fidanzati travolti e uccisi a Santa Severa: c'è un fermo, l'accusa è omicidio stradale

  • Politica

    Atac, "sospette anomalie": annullati tre concorsi interni

  • Cronaca

    Bud Spencer, camera ardente in Campidoglio: romani in fila per l'ultimo saluto

I più letti della settimana

  • Stuprano donna al settimo mese di gravidanza in una scuola, arrestati

  • Incidente su A1, scontro tra tir: chiuso tratto tra Valmontone e Anagni

  • Travolge scooter con l'auto e scappa a piedi: morti due fidanzati a Santa Severa

  • Donna nuda fa il bagno alla fontanella di largo di Torre Argentina

  • Omicidio a Velletri: killer uccide pizzaiolo fuori dal suo locale

  • Magliana, Panda precipita dal cavalcavia: 4 ventenni in codice rosso

Torna su
RomaToday è in caricamento