Ordinanza antiprostituzione alle porte di Roma: multati cinque automobilisti

Le sanzioni elevate da carabinieri e polizia locale nel territorio di Guidonia Montecelio

Immagine di repertorio

Cinque automobilisti multati per aver violato l'ordinanza antiprostituzione. Siamo nel territorio di Guidonia Montecelio, provincia nord est della Capitale, dove il Sindaco della Città dell'Aria Michel Barbet lo scorso 26 novembre ha firmato l'atto amministrativo (qui il link alla notizia) che vieta agli automobilisti, di "consentire la salita di prostitute nel proprio veicolo, nonché di effettuare fermata o arresto temporaneo del veicolo tenendo un comportamento che appaia finalizzato, per le circostanze di tempo e di luogo, a richiedere prestazioni sessuali ovvero informazioni sulle stesse a persona che esercita la prostituzione". 

Proprio in tale ambito i carabinieri della Compagnia di Tivoli, unitamente alla Polizia Locale di Guidonia Montecelio, hanno contestato violazioni amministrative nei confronti di 4 cittadini romeni ed un italiano, per un totale di 2500 euro, per inosservanza dell’ordinanza sindacale che vieta “di acquistare o offrire prestazioni sessuali a pagamento”. 

Ordinanza simile è stata firmata anche dal Sindaco della vicina città di Tivoli, Giuseppe Proietti, il 6 novembre (qui l'ordinanza). Con validità dal 15 dello stesso mese sino al 15 giugno del 2019, a differenza della città di Guidonia (dove le multe sono previste solo per gli automobilisti e non per le prostitute), in questo caso ad essere passibili di multe sono anche le meretrici. 

Le sanzioni dei carabinieri della Compagnia tiburtina sono arrivate nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio, finalizzato anche al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. In questo ambito i militari dell'Arma hanno segnalato all’Autorità amministrativa cinque soggetti trovati in possesso di essenze psicotrope, tra le quali: marijuana, cocaina ed hashish. 

Durante l’ingente attività sono state controllate oltre 50 persone e 25 automezzi, di cui due sono state sanzionati al codice della strada.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell'Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico. P.S. I relativi soggetti possono essere sanzionati per evasione fiscale, anche per le tasse locali (art. 36 comma 34bis Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con la Sentenza n. 10578/2011).

Notizie di oggi

  • Politica

    Città dell'Altra Economia, il Campidoglio prepara il bando: nel futuro spazio ai maker

  • Cronaca

    Così Carlos ha violentato un'anziana nella casa di riposo. Ed ora si temono altri casi

  • Cronaca

    Largo Preneste, batte la testa in terra dopo la lite: il pittore Umberto Ranieri in fin di vita al Vannini

  • Ostia

    Ostia: Campidoglio piglia tutto, al M5S romano la gestione delle spiagge. "Presidente del X Municipio si dimetta"

I più letti della settimana

  • Sciopero degli studenti per il clima: il 15 marzo in piazza per Friday for Future

  • Ciclista morto sui binari del tram: addio a Valerio Nobili, medico luminare del Bambino Gesù

  • Paura a Grottaferrata: bus Cotral finisce in una scarpata. Sette feriti

  • Borghesiana: sorpasso azzardato con l'auto rubata, cinque feriti. Tre sono gravi

  • "No a perquisizioni razziste sul bus": il cartello sulle pensiline Atac contro le forze dell'ordine

  • Tragedia ad Ardea: bambino di 2 mesi trovato morto in casa, si cerca la madre

Torna su
RomaToday è in caricamento