VIDEO | Giallo a Vigne Nuove: le voci dei residenti di via Dina Galli

Qui tra i palazzoni di cemento di via Dina Galli, la coppia era molto nota, soprattutto per via delle chiassose discussioni

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Un contesto difficile, fatto di liti continue, quello in cui è morto Adil Kadmiri, il 34enne di origini marocchine, ritrovato senza vita intorno a mezzogiorno in via Dina Galli a Vigne Nuove.

"Lui e la compagna abitavano qui da circa tre anni e tra i due c'erano liti continue", racconta una vicina di casa. La coppia aveva quattro bambini, ma solo l'ultimo di circa un anno e mezzo era figlio della vittima. "Tutti i figli gli erano stati tolti dai servizi sociali e solo la piu' grande, una ragazza di 16 anni, era tornata a vivere con loro", racconta la donna.

Qui tra i palazzoni di cemento, la coppia era molto nota, soprattutto per via delle chiassose discussioni: "Polizia e Carabinieri venivano spesso dopo le loro litigate", racconta un'altra inquilina del civico 4. Un rapporto di convivenza difficile "tanto che circa un anno fa, lei aveva anche minacciato di gettare il neonato dalla finestra", prosegue tra le lacrime la donna prima di allontanarsi. Sul caso sono al lavoro i Carabinieri, che non escludono l'ipotesi dell'omicidio.

Cadavere in via Dina Galli: morto un 34enne marocchino  

Giallo a Vigne Nuove: il punto delle indagini

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Politica

    VIDEO | La Capitale è pronta ad avere un sindaco leghista? La risposta dei romani

  • Cronaca

    La rabbia di Torre Maura diventa guerriglia: barricate contro l'arrivo dei rom di via Toraldo

  • Cronaca

    VIDEO | Casal Bruciato dice no ai rom, in strada per dare casa a Noemi: “Non ho fatto domanda, ma ho più diritto di loro”

  • Attualità

    Occupante a sua insaputa. La storia di Monica sfrattata da Testaccio: "Non ho neanche l'auto per dormirci dentro"

Torna su
RomaToday è in caricamento