Morto investito da un treno a Trastevere: agganciato per lo zaino e trainato sui binari

Il ragazzo, secondo le prime indicazioni, si trovava oltre la linea gialla al momento dell'incidente

Non un gesto volontario, ma un drammatico incidente. Chi indaga non ha dubbi. Così un ragazzo di 31 anni del Bangladesh è morto sabato pomeriggio alla stazione Trastevere. Una tragedia, quella avvenuta il 5 gennaio, avvenuta sui binari del treno della linea Roma Ostiense - Civitavecchia. 

Gli agenti della Polizia Ferroviari, coordinati dal dirigente Marco Napoli, hanno immediatamente accantonati l'ipotesi del suicido. Così come scartano l'ipotesi che F.I., queste le iniziali del 31enne, stesse al cellulare al momento dell'incidente. Secondo gli investigatori il giovane sarebbe arrivato in ritardo sui binari e una volta perso il treno, si è girato, oltre la linea gialla di sicurezza. 

Quando il convoglio è ripartito lo ha poi agganciato per lo zaino che aveva in spalla, trascinandolo sotto il treno stesso e lungo i binari. Inutili i soccorsi. Il ragazzo del Bangladesh è morto sul colpo. La Polizia Ferroviaria ha comunque acquisito le immagini di sorveglianza della stazione, ascoltato i testimoni presenti, pochi, e il macchinista. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento