Acilia: scoppia incendio in cucina, morto un anziano. Appartamento posto sotto sequestro

La vittima è un uomo di 87 anni. L'incendio è divampato alle 16 di giovedì 23 maggio in un appartamento che affaccia su via Pietro da Mazzara

Alberto Esposito, di 87 anni, originario di Chieti, è morto a seguito di un incendio avvenuto oggi, ad Acilia, nella periferia sud di Roma. La tragedia è avvenuta in via Pietro da Mazzara, al civico 42, intorno alle 16 circa. Le fiamme sono partite dalla cucina un appartamento al terzo piano. Sul posto i Vigili del Fuoco, i sanitari del 118 e i Carabinieri della stazione di Acilia e del Nucleo Radiomobile di Ostia. 

Le tre squadre dei Vigili del Fuoco, con due autocisterne e un'autoscala, hanno estinto il rogo scoppiato per cause ancora da determinare. Una volta entrati nell'appartamento, la macabra scoperta: l'anziano è stato trovato, esanime, all'interno dell'appartamento.

Il corpo dell'anziano era parzialmente ustionato. Sarà l'autopsia a determinare se a causare la morte dell'uomo siano state le ferite riportate oppure se sono stati fatali i fumi inalati. Come da prassi, i Carabinieri di Ostia hanno posto sotto sequestro l'appartamento danneggiato solo in cucina, dove è scoppiato l'incendio probabilmente a causa di un cortocircuito. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo, secondo quanto si è appreso, viveva con i due figli, assenti al momento del rogo. Durante le fasi concitate dell'incendio, i condomini della palazzina sono scesi autonomamente in strada

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento