Lo strazio dopo lo schianto: Tivoli e Guidonia in lutto per i 4 giovani morti sulla Tiburtina

Federico Baldi, Riccardo Murdaca, Jessica Gjnaj e Ambra Shaliani. Un sorpasso azzardato la causa dell'incidente stradale in cui hanno perso la vita quattro giovanissimi a Setteville di Guidonia

Federico Baldi, Riccardo Murdaca, Jessica Ginai, Ambra Shaliani. Quattro giovani vite spezzate. Tutti appena maggiorenni, tranne Ambra che avrebbe compiuto 18 anni l'8 maggio. Sono loro le vittime dell'incidente mortale avvenuto al chilometro 18,700 di via Tiburtina, all'altezza di Setteville di Guidonia.

ALTRA TRAGEDIA - I quattro inseparabili amici viaggiavano a bordo di una Mini Cooper che ha sbandato, forse dopo un sorpasso azzardato, terminando poi la sua folle corsa contro il muretto del risto-pub Vedemecum. Incastrati tra le lamiere e tirati fuori solo dopo ore grazie al lavoro dei vigili del fuoco, per i quattro non c'è stato nulla da fare.

Una tragedia come quella in cui è morto anche Gabriele Simonacci, questa volta nel cuore di Roma, in Corso Vittorio Emanuele II. Il 28enne non è sopravvissuto allo scontro tra lo scooter su cui stava viaggiando e un taxi. (LEGGI TUTTA LA NOTIZIA)

LO SCHIANTO MORTALE - Dalla ricostruzione della polizia stradale di Tivoli la Mini su cui viaggiavano i 4 amici avrebbe perso il controllo in un tratto rettilineo, in direzione Roma, schiantadosi poi contro il muro dell'edificio dove si trova l'ex pub Vademecum. 

Secondo la testimonianza del conducente dell'Iveco Daily appena superato dalla Mini, l'auto guidata da Riccardo, che aveva preso la patente solamente lo scorso 2 dicembre, avrebbe perso aderenza nel saliscendi di via Tiburtina per poi finire la sua corsa contro il muro tra intorno alle 3:50 del mattino. 

Federico e Jessica, seduti sul sedile posteriore, sono stati sbalzati fuori dalla Mini. Riccardo e Ambra incastrati tra le lamiere. Si indaga per verificare l'esatta dinamica e quale fosse la velocità dell'auto in quel momento, mentre le salme sono state portate all'obitorio del Verano per l'esame autoptico. 

LE VITTIME - Disperati i genitori giunti sul luogo dell'incidente. Riccardo Murdaca, meccanico di professione, viveva a Tivoli. Federico Baldi era suo coetaneo e di Tivoli, era un grande tifoso della Lazio. La più piccola, Ambra Shaliani, aveva 17 anni e tanti amici. La bionda Jessica Ginai viveva a Roma e aveva frequentato l'istituto tecnico per il turismo. Le due ragazze erano amiche da sempre, entrambe di origini albanesi. Una sognava di fare la parrucchiera, l'altra la cantante. 

LE TESTIMONIANZE - Tanti i ricordi, su Facebook, che in poche ore hanno invaso la bachceca di Jessica. "Ancora non riesco minimamente a realizzare. Ti conoscevo, io, e preferirei non farlo in questo momento. Sono piena di ricordi che mi vorticano in testa ad una velocità che mi nausea. Conserverò il nostro braccialetto. Mi ricorderò di te ogni volta che mi capiterà sotto mano", scrive Francesca in un lungo messaggio. "Siete gli angeli di tutti noi", posta Melissa. Poi le foto, i cuori e le citazioni delle canzoni di Vasco Rossi, Rihanna e Tiziano Ferro.

CLICCA CONTINUA PER LEGGERE LE TESTIMONIANZE DEGLI AMICI

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

Torna su
RomaToday è in caricamento