Scomparsa da casa viene trovata morta in stato di decomposizione: "Gli animali mangiavano i resti"

Di Amalia Voican non si avevano notizie dallo scorso mese di aprile. Il cadavere della 21enne trovato in una casa demaniale dagli agenti di polizia

Amalia Voican

"Dormivano nella stanza con vicino il corpo della ragazza che veniva mangiato dagli animali". Questo il macabro racconto fatto da un meccanico di San Giovanni riferito prima alla polizia lo scorso 2 maggio e poi a Chi l'ha visto? nella trasmissione andata in onda il 13 giugno. La storia è quella di Amalia Voican, una ragazza di 21 anni di Civita Castellana, Comune del viterbese. Lo scorso mese di maggio era stata una sua amica, cresciuta con lei nella cittadina della Tuscia, a denunciare la scomparsa della giovane che si faceva chiamare "Nena Panic". L' amica aveva accolto l'appello della madre della ragazza che vive a Londra al fine di avere notizie sulla figlia. Poi la ricerca di scomparsa divulgata su facebook e la denuncia alle forze dell'ordine, dopo aver contattato la redazione giornalistica della trasmissione di Rai3. 

Morta Amalia Voican 

Il rinvenimento del cadavere in avanzato stato di decomposizione risale allo scorso 2 maggio, quando un meccanico che ha una officina in via Atella, a due passi dal mercato di via Sannio, ha allertato la polizia dopo aver sentito un forte odore provenire da una casa demaniale che si trova a due passi dalla sua attività commerciale. Intervenuti sul posto gli agenti del commissariato San Giovanni hanno rinvenuto il cadavere della ragazza su un materasso in avanzato stato di decomposizione, senza documenti lo stesso è stato poi identificato in quello di Amalia Voican. 

Morta Nena Panic (foto chi l'ha visto)-2

Il caso a Chi l'ha visto?

Lo scorso 13 giugno è stata poi la trasmissione giornalistica condotta da Federica Sciarelli a svelare il retroscena sulla morte di "Nena Panic". Con in studio due amiche della 21enne, Romina e Caterina, i giornalisti di Chi l'ha Visto? si sono quindi recati nella casa di via Atella dove lo scorso 2 maggio è stato fatto il macabro rinvenimento. "Girava qui da un paio di mesi insieme ad altra gente - il racconto del meccanico che ha segnalato il fatto alla polizia - .Da un paio di mesi non vedevo più nessuno. E' cominciato il caldo abbiamo sentito questo odore e abbiamo chiamato la polizia. C'era un corpo con sopra una coperta. L'hanno trovata un mesetto fa".  Un macabro racconto quello del meccanico di San Giovanni che davanti alle telecamere di Rai 3 ricorda: "Il viso non c'era più, dormivano nella staza e c'erano gli animali che si mangiavano questa ragazza".

La telefonata di Mattias

A tingere di giallo la morte di Amalia Voican un uomo, Mattias, che dopo aver visto la segnalazione di Chi l'ha visto? ha contattato la redazione giornalistica della Rai: "Dice che la ragazza fa servizi sessuali, prende 50 euro a cliente". Ed ancora: "Lei vive ad Amburgo. Ha una ferita sul braccio. Ma sta bene. C'è una regola che dice che le ragazze quando lavorano non possono stare al telefono. Non credo sia un lavoro piacevole quello che fa". 

La richiesta di denaro

Alcuni giorni dopo la redazione di Chi l'ha visto? viene nuovamente contattata da quello che sembra essere ancora Mattias che questa volta cambia tono e intenzioni: "Volevo dirvi una cosa, avete due settimane di tempo per rimediare 10mila euro, altrimenti Amalia è finita. Questa è una promessa. Se non cacciate i soldi è finita. Adesso vi mando l'Iban". Poi un secondo messaggio vocale, dove una voce camuffata si spaccia proprio per la 21enne di Civita Castellana: "Tirate fuori i soldi sono molto spaventata. Cacciate i soldi vi prego. Parlo con questa voce per non lasciare tracce". Le rivelazioni della trasmissione condotta da Federica Sciarelli sono state acquisite dalla Procura di Roma. 

Amalia Voican (Nina Panic) 2-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento