Montespaccato nelle mani dei Gambacurta: "Ti proteggono e sei reverente tutta la vita"

Il blitz dei carabinieri ha portato all'arresto di sette persone ed al sequestro di due locali usati come base logistica dalla famiglia egemone anche all'Aurelio, a Boccea ed a Primavalle

Il blitz dei carabinieri a Montespaccato

E' la tattica che fanno…mandano ad impaurire con il fuoco con…con le parole e poi fanno vedere che ti proteggono e non te lo mandano più e tu sei riverente per tutta la vita (…) questa è la tattica che usavano loro". Così parlava al telefono con la madre una delle 7 persone finite nell'operazione, coordinata dalla Procura - Direzione Distrettuale Antimafia e compiuta tra Roma e Viterbo dai Carabinieri contro il clan Gambacurta.  

Un dialogo, scrive il gip nell'ordinanza, che "attesta la pericolosità dei fratelli Franco e Roberto Gambacurta, i quali, avvalendosi concretamente della loro capacità intimidatoria, riuscivano a perpetrare quel meccanismo di estorsione-protezione, tipico delle consorterie mafiose, nei confronti" di commercianti e imprenditori.  
 
Base logistica del clan Gambacurta a Roma erano due bar a Montespaccato, la birreria 'Mondo Birra' e il 'Golden Bar', sequestrati dai Carabinieri e  utilizzati come luogo dove nascondere la droga e spacciarla. 

I due locali, si legge nell'ordinanza del gip, "rappresentano una vera e propria base logistica dell'organizzazione per ricevere al chiuso, ma in modo facilmente accessibile, gli acquirenti verificando agevolmente l'eventuale attività di controllo delle forze di polizia".  Il gruppo, sottolinea il gip, è "in grado di organizzare e gestire quotidianamente lo spaccio di di ingenti quantità di stupefacenti di diverso tipo, qualità e quantità, per soddisfare in qualsiasi ora del giorno e della notte, in ogni periodo dell'anno, centinaia di acquirenti".  

Nonostante i 58 arresti scattati più di un anno fa, il clan Gambacurta era rimasto egemone nella zona nord della Capitale, dove continuava a fare affari con la droga, cocaina in particolare, e dove continuava a imporre la propria supremazia, tanto che alcuni commercianti presi di mira, per timore di rappresaglie non avevano mai denunciato nulla. 

Al vertice c'erano Franco e Roberto Gambacurta, aiutati da uomini e donne fidate. Il gruppo vantava una "gestione monopolistica della piazza di spaccio di Montespaccato (quartieri Aurelio - Boccea)" si legge nell'ordinanza con cui il giudice ha disposto gli arresti di mercoledì 10 luglio. 

In questo ambito è scattato alle prime luci dell'alba, a Roma ed in provincia di Viterbo, il blitz dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma e dei Comandi dell’Arma territorialmente competenti, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica di Roma - Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 7 persone, indagate, a diverso titolo, per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

VIDEO | Il blitz dei Carabinieri a Montespaccato 

Contestualmente, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito un decreto di sequestro di beni (ex art. 321 comma 1 c.p.p.), emesso dal medesimo G.I.P. presso il Tribunale di Roma, su richiesta della Procura della Repubblica – D.D.A. di Roma, riguardante i due esercizi commerciali già citati (la birreria 'Mondo Birra' e il 'Golden Bar), utilizzati come basi logistiche dell’organizzazione criminale dei Gambacurta e luoghi in cui nascondere lo stupefacente e /o prendere contatti con i clienti da inviare agli spacciatori del gruppo, per un valore stimato di circa 400 mila euro.

L’operazione è tuttora in corso a conclusione dell’indagine “Malavita 2018” che costituisce l’ultimo filone dell’indagine “Hampa 2012”, condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Roma che, nel giugno 2018, aveva già portato all’esecuzione di 58 ordinanze di custodia cautelare per associazione per delinquere finalizzata ad una serie indeterminata di delitti aggravati dalle modalità mafiose (art. 7 L. 203/91).

In particolare usura, esercizio abusivo del credito, estorsioni, sequestro di persona a scopo di estorsione, detenzione e porto illegale di armi da fuoco, riciclaggio e reimpiego di capitali di provenienza illecita, intestazione fittizia di beni immobili, rapporti creditizi, attività economiche ed imprenditoriali, nonché di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dalla transnazionalità. Il sodalizio in questione, egemone nel quartiere capitolino di Montespaccato, risultava essere contraddistinto dal medesimo assetto verticistico dei fratelli Franco e Roberto Gambacurta.

Le indagini condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno dimostrato l’incessante operatività del sodalizio dall’anno 2012 (come certificato nel corso dell’indagine “Hampa 2012”) fino all’esecuzione delle menzionate misure cautelari (giugno 2018). Infatti, nel corso del più recente filone d’indagine convenzionalmente denominato “Malavita 2018”, si è dimostrato come la forza intimidatrice del sodalizio risultasse essere riconosciuta nella zona Nord della Capitale, con particolare riferimento ai quartieri di Montespaccato e Primavalle, dove il gruppo criminale Gambacurta ha imposto la propria supremazia, commettendo numerosi delitti che, a volte, non sono stati denunciati dalle vittime per il timore di incorrere nella vendetta del sodalizio.

A dimostrazione dell’appena citata capacità intimidatoria del gruppo criminale Gambacurta, si inserisce l’attività di “mediazione” svolta in prima persona da Roberto Gambacurta che è riuscito a condizionare la volontà di un commerciante del luogo nel rimettere una querela sporta a seguito dell’incendio del proprio esercizio commerciale, formalizzata presso il Comando Stazione dell’Arma intervenuto in occasione dell’incendio.

Lo sviluppo di tale vicenda, insieme alle risultanze documentate nel corso delle precedenti indagini, fornisce una ulteriore conferma della pericolosità sociale dei soggetti legati al sodalizio criminale in questione nonché dell’attualità e dell’operatività della medesima associazione, con particolare riferimento al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Nel corso delle fasi esecutive dell’operazione, scattata all’alba di questa mattina, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno anche arrestato, in flagranza, il figlio di Roberto Gambacurta, destinatario di un decreto di perquisizione, in quanto nella sua abitazione sono stati trovati circa 20 grammi di hashish, che sarebbero stati detenuti secondo i carabinieri, ai fini di spaccio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

Torna su
RomaToday è in caricamento