Lite in casa a colpi di martello: 41enne in fin di vita

Il proprietario di casa, anche lui rimasto ferito, rischia l'accusa di tentato omicidio. I carabinieri, che indagano, hanno informato la Procura di Roma

Una banale lite si è trasformata di un dramma con uno dei due contendenti, un uomo di 41 anni, che ora lotta tra la vita e la morte al Policlinico Umberto I di Roma. I fatti si sono consumati in una abitazione nel cuore del comune di Monte Compatri, ai Castelli Romani, nella mattinata del 15 agosto.

La notte precedente il 41enne aveva bussato alla porta dell'amico e di sua moglie chiedendo ospitalità. La coppia lo ha così accolto, nonostante fosse in evidente stato di agitazione.

All'alba di Ferragosto, però, la situazione è degenerata. Il 41enne ha iniziato ad urlare senza motivazione apparente. L'amico di 40 anni e la moglie, gli hanno chiesto di smetterla ma l'ammonimento ha fatto scattare la scintilla. 

Si è quindi generata una discussione tra le parti e i due uomini sono passati alle mani. Ne è nata una violenta colluttazione con i vicini e la moglie del proprietario di casa che, nel frattempo, hanno chiamato il Numero Unico per le Emergenze. Così, alle 6 del mattino, sul posto sono arrivati i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Frascati.

In casa, riverso sul pavimento e privo di sensi, i militari hanno trovato il 41enne con una vistosa ferita alla testa. L'uomo è stato trasportato dal 118 prima presso il pronto soccorso di Frascati e successivamente presso il Policlinico Umberto I di Roma, in prognosi riservata: è in pericolo di vita.

Anche il proprietario di casa è stato accompagnato presso l'ospedale di Frascati dove veniva dichiarato guaribile in 15 giorni per trauma cranico. Le indagini dei carabinieri sono partite così dalla testimonianza della coppia e dai rilievi nell'appartamento. Qui, dopo un attento sopralluogo, è stato sequestrato un martello (con tracce ematiche) che sarebbe stato utilizzato nella lite.

Gli approfondimenti del nucleo radiomobile determineranno poi chi lo ha utilizzato. La profonda ferita alla testa che presenta il 41enne in fin di vita, da un primo esame, potrebbe inoltre essere riconducibile ad una caduta successiva alla colluttazione, più che al colpo del martello rinvenuto. Della vicenda i carabinieri, che lavorano per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti, hanno informato la Procura della Repubblica di Velletri che vaglierà l'ipotesi di tentato omicidio a carico del padrone di casa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidente via Colombo: auto in un fosso, trovata morta ragazza di 28 anni

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • Maratona via Pacis a Roma, domenica 22 settembre strade chiuse in centro. Deviate 60 linee bus

Torna su
RomaToday è in caricamento