"Sei troppo occidentale": molesta venditrice ambulante nel Centro Storico

La ragazza, da diverso tempo subiva atti sessuali da un uomo di 59 anni che, la importunava pesantemente con palpeggiamenti e baci, anche in pubblico, davanti a diversi testimoni

Troppo "occidentale" secondo i suoi canoni. Per questo motivo un tunisino 59enne molestava, costantemente, una giovane iraniana, venditrice ambulante nel Centro Storico di Roma. 

La ragazza, da diverso tempo subiva atti sessuali dal tunisino che, la importunava pesantemente con palpeggiamenti e baci, anche  in pubblico, davanti a diversi testimoni. Ingiurie anche di natura religiosa nei confronti della donna. L'uomo, un musulmano sunnita, rimproverava la donna, sciita, di indossare abiti "troppo occidentali" e non in linea con i dettami della loro religione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad intervenire e porre fine alla vicenda, gli uomini della Polizia di Stato del commissariato Trevi Campo Marzio. Nella serata di ieri, i poliziotti  hanno bloccato e identificato il tunisino, mentre tentava l'ennesimo approccio. Nei confronti del 59enne vi era pendente anche un ordine di carcerazione, per una precedente violenza sessuale risalente al 2004 e così è stato condotto presso il carcere di Rebibbia, per il reato di "violenza sessuale aggravata e continua".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

Torna su
RomaToday è in caricamento