"Sporco negro, torna al paese tuo": minacce razziste e aggressione al barista

L'aggressore ha aggredito anche i Carabinieri intervenuti. E' stato arrestato

Dopo i fatti della Roma Lido cresce l'attenzione da parte delle forze dell'ordine su episodi a sfondo razziale. L'ultimo fatto è avvenuto nella notte del 6 novembre, in via Anagnina all'altezza del territorio di Morena, nel Municipio Roma VII di Roma Capitale. Protagonista, in negativo, della vicenda un 48enne romano che ha aggredito un barista, un ragazzo di 40 anni del Bangladesh

L'allarme è stato dato dal titolare del bar, preoccupato dall'escalation di violenza che si era creata nel suo locale e che lo aveva visto come bersaglio dell'esagitato. Il motivo esatto del contendere è ancora al vaglio degli inquirenti. Di certo, invece, ci sono le minacce, pesanti, anche a carattere razziale. "Sporco negro, torna al paese tuo" e anche "Negro di m...a, vattene".

Il 40enne, che gestisce il bar con la sua famiglia, è stato difeso dai pochi presenti. Sul posto sono quindi giunti i Carabinieri della Tenenza di Ciampino, coordinati da quelli di Castel Gandolfo. L'uomo, non ubriaco o sotto effetto di droghe, come confermato dai militari intervenuti, alla richiesta di esibire i suoi documenti ha quindi aggredito anche i Carabinieri con spintoni, calci e pugni. Uno di loro, preso alle spalle, è stato colpito.

Sul posto anche il 118, fortunatamente nessuno è stato portato in ospedale. Il 48enne, bloccato, è stato arrestato, portato in caserma, e poi posto ai domiciliari dal giudice per il reato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e minacce aggravate da frasi razziste e odio razziale nei confronti del cittadino bengalese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rito direttissimo ha confermato l'operato dei Carabinieri, disponendo l'obbligo di firma nei confronti del'uomo che, secondo le indagini, non risulterebbe appartenere a nessun gruppo di estrema destra. Dopo i fatti della Roma Lido episodi del genere saranno monitorati con più attenzione da parte delle forze dell'ordine. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

Torna su
RomaToday è in caricamento