Paura al San Giovanni: non può entrare con la compagna e punta coltello alla gola della dottoressa

Le minacce al pronto soccorso del nosocomio di via dell'Amba Aradam. "Non è rimasta ferita ma ha avuto un affaticamento psicologico"

L'ospedale San Giovanni Addolorata (immagine di repertorio)

Ha puntato un coltello alla gola della dottoressa mentre si trovavano al Pronto Soccorso. Motivo delle minacce il diniego da parte dei medici del nosocomio di far entrare l'uomo a visita con la compagna. I fatti sono accaduti all'ospedele San Giovanni Addolorata. A raccontarlo il direttore generale del nosocomio di via dell'Amba Aradam, Ilde Coiro, durante l'incontro con l'Ordine dei Medici di Roma e l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, che volgeva proprio sul fenomeno della aggressioni al personale medico. 

Coltello alla gola della dottoressa 

Quel giorno, ricorda il direttore generale dell'ospedale San Giovanni  "era arrivata al Pronto soccorso una coppia e quando la dottoressa ha chiesto all'accompagnatore di allontanarsi per visitare la signora, lui ha dato in escandescenze e ha puntato un coltello alla gola della dottoressa - ha raccontato Coiro -. Sono intervenuti gli operatori. Allora lui ha iniziato a fare atti di autolesionismo e l'abbiamo dovuto ricoverare. La signora è andata via. Era una persona che frequentemente si recava presso la nostra struttura. Evidentemente si trattava di un episodio di violenza sulle donne, e aveva paura. La dottoressa non è rimasta ferita, ma si è molto spaventata. Ha avuto un affiancamento psicologico". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il grido d'allarme, medici ed infermieri aggrediti: "Oltre 100 episodi all'anno nel Lazio" 

Dottoressa minacciata all'ospedale San Giovanni Addolorata 

Coiro ha sottolineato che "al San Giovanni c'é un sistema che consente ai parenti di vedere il percorso dei malati, però capitano purtroppo episodi come questi in cui é difficile controllare reazioni simili. Noi cerchiamo di fare il possibile. Il progetto del Servizio civile finanziato dalla Regione Lazio con i ragazzi che avevano l'incarico di fare affiancamento e accoglienza e' stato importantissimo. Poterlo ripetere sarebbe una opportunità in più".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi casi, sono 11 in totale nel Lazio. I dati Asl del 27 maggio

Torna su
RomaToday è in caricamento