Aggredisce fratello e cognata, poi costringe la madre a prelevare soldi alle Poste

Nei guai un giovane di Cave. Terrorizzava da mesi i familiari con aggressioni e minacce

Terrorizzava i familiari da mesi con minacce ed aggressioni. Sono stati i carabinieri della stazione di Cave ad arrestarlo per il reato di minacce aggravate e maltrattamenti in famiglia. A finire un mantte un giovane ragazzo del Comune dei Monti Prenestini, con a carico numerosi precedenti di polizia per reati contro la persona e controil patrimonio. 

Terrorizava la famiglia a Cave 

In particolare, dopo diversi interventi delle Forze dell’ Ordine in casa della famiglia del ragazzo per svariate liti negli ultimi giorni e alcune denunce dei familiari che facevano delineare un quadro di terrore e paura in casa per le continue minacce ed aggressioni del giovane nei confronti di tutti, giovedì scorso i militari sono intervenuti in modo decisivo prima che la situazione potesse degenerare nel peggiore dei modi. 

Sequestra la madre ed aggredisce i familiari 

Lo stesso infatti, dopo aver aggredito il fratello e spintonato la cognata, ha costretto la madre a salire in macchina e portandola all’ ufficio postale del paese costringendola sotto minaccia di morte a prelevare 200 euro da consegnargli. L’arrivo dei militari ha scongiurato però il peggio e dopo le formalità di rito, il giovane è stato tratto in arresto e associato presso la casa circondariale di Roma Rebibbia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Tivoli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

Torna su
RomaToday è in caricamento