Troppe liti in famiglia, preferisce il carcere: "Portatemi dentro, non ce la faccio più"

Il 32enne è stato "accontentato" e portato nel carcere di Rebibbia

Stanco delle continue liti in famiglia evade dai domiciliari e si presenta ai Carabinieri. E’ accaduto ieri pomeriggio, quando un 32enne romano, sottoposto agli arresti domiciliari dall’ottobre 2018 per spaccio di sostanze stupefacenti, si è presentato in caserma riferendo di essere stanco dei continui litigi e incomprensioni con la zia e la cugina, con cui divide l’abitazione a Testaccio, chiedendo una pena alternativa.

E così, ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione Roma Aventino lo hanno nuovamente arrestato con l’accusa di evasione.

I Carabinieri, che già in passato avevano accertato altri episodi di allontanamento senza autorizzazione dall’abitazione, hanno richiesto l’aggravamento della misura cautelare al Magistrato di Sorveglianza di Roma che ha emesso un ordine per la carcerazione.

Il 32enne è stato quindi “accontentato” e portato nel carcere di Rebibbia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Blocco traffico Roma: domenica 23 febbraio niente auto nella fascia verde

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Coronavirus Roma: "Scuole chiuse? Fake news". Mezzi pubblici, via alla sanificazione

Torna su
RomaToday è in caricamento