Fregene, ancora una forte mareggiata: danneggiate cabine e tettoie

Stabilimenti balneari sempre più esposti alla furia del mare

Foto di repertorio

Una forte mareggiata si è abbattuta sulla spiaggia di Fregene. Nella giornata di venerdì 2 marzo e nel corso della notte successiva, le onde si sono infrante con violenza sulla battigia. Superate anche le barriere frangiflutti, i cavalloni si sono schiantati contro alcuni stabilimenti della zona.

Le conseguenze

A farne le spese sono state soprattutto le tettoie ed alcune cabine. Ma anche diversi magazzini sono stati colpiti dalla furia della mareggiata che non ha risparmiato il Point Break, il Tirreno, il Capri ed il Rivetta. Un problema ormai tristemente conosciuto dai concessionari balneari della zona, costretti ad assistere inermi alla devastante potenza del mare.

Un problema annoso

La parziale cancellazione della spiaggia ed i danni riportati a stabilimenti ed esercizi di ristorazione sulla costa sono noti. A gennaio il Comune di Fiumicino aveva ospitato una commissione congiunta in Comune Lavori pubblici ed Ambiente, proprio per affrontare la questione dei danni prodotti dall'erosione marina. Le conseguenze della burrasca di venerdì notte, non hanno riguardato solo Fregene. L'acqua ha raggiunto anche viale di Focene, nell'omonima cittadina marittima dove, per il forte vento, si è anche schiantato un albero.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde zainetto sul bus e lancia appello: "Offro ricompensa a chi lo trova. Ci sono documenti medici"

  • Manifestazione contro i vitalizi, Sardine in piazza e Lazio-Inter: bus deviati e strade chiuse nel week end

  • Sala scommesse come base e armi per il recupero crediti: lo spaccio violento di Pierino la Peste, er Mattonella e Ciccio

  • Investito da un'auto mentre attraversa il Raccordo Anulare, morto un uomo

  • Incidente in via Tiburtina, scontro tra camion e auto: morto un uomo. Grave il figlio

  • Incidente in via Laurentina, auto si scontra con un camion: morta una donna

Torna su
RomaToday è in caricamento