Desirée, preso il pusher italiano: ha fornito la droga ai killer

Secondo la ricostruzione della squadra mobile Marco Mancini, 36enne romano, spacciava eroina e psicofarmaci a San Lorenzo. Sarebbe stato lui a dare a Desirée il mix letale di droghe

Nella drammatica ricostruzione della vicenda che ha portato alla morte di Desirée Mariottini, viene posto un altro tassello decisivo da parte degli uomini della squadra mobile di Roma. Ieri pomeriggio è stato infatti arrestato all'esterno della fermata metro C Pigneto quello che viene ritenuto essere il pusher che ha fornito la droga a Desirée. 

E' la Questura di Roma a comunicare il fermo di Marco Mancini, 36enne romano che, secondo quanto reso noto dalla Questura, vende "cocaina, eroina e psicofarmaci con effetti psicotropi contenenti quetiapina" ai drogati e agli sbandati che frequentano lo stabile di via Dei Lucani 22. Tra i suoi clienti c'era appunto anche la sedicenne barbaramente uccisa la notte tra il 18 e il 19 ottobre.

Si tratta del quinto arresto nella vicenda. Il gip Maria Paola Tomaselli aveva messo nero su bianco il fatto che il mix di droga e pasticche che l'hanno stroncata le sarebbe stato dato da un italiano, appunto un certo Marco che spacciava nel quartiere San Lorenzo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo settimane di indagini ieri il fermo. Durante la perquisizione, addosso al pusher romano sono state trovate dodici dosi di cocaina e psicofarmaci di vario genere per i quali è stato immediatamente segnalato alle autorità giudiziarie per "detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

  • Coronavirus: a Roma 21 nuovi casi, 24 in totale nel Lazio. I dati Asl del 13 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento