Marcia per La Vita sì, corteo per Giorgiana Masi no: "Divieto per motivi di ordine pubblico"

Una manifestazione che, secondo il candidato sindaco Sandro Medici, è stata vietata dalla Questura che avrebbe opposto un rifiuto "per l'impossibilità che si svolga in contemporanea con la Marcia per la Vita per una questione di ordine pubblico"

La Marcia per la Vita sì, il corteo per Giorgiana Masi no. La Questura lo avrebbe vietato per motivi di ordine pubblico. E' polemica negli ultimi giorni tra gli attivisti di collettivi autorganizzati e del movimento femminista che avevano in programma, come tutti gli anni, un corteo in memoria della giovane studentessa uccisa nel 1977 con un proiettile su Ponte Garibaldi che era in piazza quel giorno per celebrare la vittoria del referendum sul divorzio.

I manifestanti avrebbero voluto marciare per ricordarla, per urlare  "contro i femminicidi" e per "la libertà delle donne".Una manifestazione che, secondo quanto detto dal candidato sindaco Sandro Medici, è stata vietata dalla Questura che avrebbe opposto un rifiuto "per l'impossibilità di svolgere qualsiasi tipo di manifestazione in contemporanea con la Marcia della vita per una questione di ordine pubblico".

In piazza ci saranno gli attivisti del movimento per la vita che contestano la legge 194, quella che regola l'aborto. Il corteo partirà  domenica mattina alle 9.30 dal Colosseo e arriverà a Castel Sant'Angelo.

Per Medici "è evidente che ci sia l'intenzione da parte del Campidoglio di non mostrare alcun dissenso nei confronti di un corteo che attacca diritti e libertà delle donne". Oggi alle 18 i collettivi hanno organizzato un'assemblea pubblica in piazza Sonnino. L'intenzione sembra essere quella di marciare comunque.

“Non siamo disposti ad accettare che la Questura  impedisca domenica prossima ai cittadini romani di manifestare pacificamente il proprio dissenso nei confronti della manifestazione promossa da cattolici integralisti e neofascisti, negando il contro-corteo da Piazza Campo de Fiori a Ponte Garibaldi. E’ un fatto grave che lede la democrazia e la libertà di manifestare, tanto più che avviene in campagna elettorale. Nessuno potrà impedirci di scendere in piazza per dare voce a quella parte della città che su divorzio, aborto e quant’altro non vuole un ritorno al passato”. Lo dichiara Giovanni Barbera, candidato del Prc a presidente del nuovo Municipio I e al Consiglio comunale con la coalizione che sostiene Sandro Medici a sindaco. 

“Aver voluto autorizzare la “Marcia per la vita” – continua Barbera - proprio il 12 maggio, giorno in cui ricorre anche l’anniversario della morte di Giorgiana  Masi, avvenuta nel 1977 a Ponte Garibaldi  durante una manifestazione non autorizzata a favore del referendum sull’aborto, rappresenta una grave provocazione che non possiamo assolutamente tollerare. Tanto più che la morte di Giorgiana Masi avvenne in un contesto molto simile a quello che la Questura sta creando. Anche in quell’occasione, nel 1977, il Ministro degli interni Cossiga aveva disposto un divieto a manifestare”.
   

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento